10 violenze psicologiche da non accettare in una relazione

Scopriamo quali sono le violenze psicologiche che non andrebbero mai e poi mai accettate in una relazione di coppia. Eccone 10 davvero gravi.

da , il

    10 violenze psicologiche da non accettare in una relazione, ovvero quei comportamenti del tuo lui che ti dovrebbero far scappare a gambe levate. Perché non sempre la violenza si esprime a gesti ma anche a parole ed è sbagliato credere che queste ultime siano meno importanti. Certo, può capitare a tutti di dire qualcosa di troppo in un momento di rabbia ma dovrebbero essere episodi isolati, non certo la norma. Ecco allora 10 violenze psicologiche inaccettabili.

    Ricatti

    Il ricatto è una cosa brutta a prescindere ma se a ricattarci è il nostro uomo peggio ancora. In cosa consiste? Nel chiederci, per esempio, di rinunciare a un’amicizia in cambio del suo amore o della sua approvazione.

    Minacce di suicidio

    Anche un suicidio è una minaccia gravissima perché cela un atteggiamento infantile teso ad ottenere qualcosa a tutti i costi. E fa sentire la vittima, che in realtà è chi subisce la minaccia, obbligata a intervenire. Per non parlare dei sensi di colpa.

    Minacciare di omicidio

    Sebbene qualunque minaccia sia sbagliata, quella di uccidere è di una gravità inaudita. Che lui ci tenti o meno, il solo fatto di pronunciare queste parole dovrebbe metterti in allerta. Come può una persona che ti ama dire una cosa simile?

    Dirti che sei una nullità

    Un tipico atteggiamento dell’uomo da evitare consiste nel ridurre la partner a uno zerbino in quanto ad autostima. E cosa c’è di peggio che urlarle “sei una nullità”.

    Controllare ogni tua mossa

    Il partner estremamente geloso controlla ogni mossa perché qualunque cosa desta i suoi sospetti. Quando un uomo è troppo geloso e ci chiede spiegazioni per qualunque cosa, è bene allontanarsi il più rapidamente possibile.

    Tradire come se niente fosse

    Ci sono uomini che tradiscono le proprie compagne senza fare una piega, dando per scontato che tutto filerà liscio, come fosse un passatempo. Ecco, è bene saperlo, questa è una violenza a tutti gli effetti sebbene ci sia la libertà di separarsi.

    Insultare la tua famiglia

    Sebbene i suoceri non destino grandi simpatie, una cosa è ironizzare o arrabbiarsi ogni tanto, un’altra insultarli e cercare persino di allontanarli da te. In questo caso si tratta di vera e propria violenza psicologica.

    Non incoraggiarti nella vita lavorativa

    E’ un aspetto poco considerato ma il nostro partner dovrebbe essere il nostro primo sostenitore, anche per quanto riguarda la sfera professionale. Se non lo è o addirittura sembra infastidito dai nostri successi, qualcosa non va.

    Ti insulta pesantemente nei litigi

    I litigi fanno parte della coppia ma non dovrebbero mai sfociare in insulti gravi e pesanti o includere parolacce troppo forti. Anche qui è una questione di rispetto e quando l’insulto è all’ordine del battibecco non va bene.

    Ti ridicolizza in pubblico

    Il tuo partner dovrebbe essere il tuo primo alleato, sia in casa che fuori. Il fatto che si prenda gioco di te quando uscite in compagnia è un bruttissimo segno. Come fidarti di una persona così?

    Dolcetto o scherzetto?