Amore, gli scienziati analizzano i sentimenti

da , il

    significato amore sentimenti

    L’amore è uno dei grandi misteri. Vi siete mai chiesti cosa sia questo sentimento che ci fa battere forte il cuore producendo anche numerose reazioni chimiche? È qualcosa di misterioso anche per la scienza che sta lavorando per capire almeno i processi, nel nostro corpo, che portano all’innamoramento. Perché se le emozioni sono mentali, le reazioni sono chimiche: dalla gioia alla passione, ma anche dal dolore che ci fa stare tanto male alla depressione.

    Gioia e sofferenza e relativi mal di cuore. Un recente convegno, al Piccolo Teatro, ha raccolto numerosi neuroscienziati per parlare “Brain built for love”, il cervello fatto per amare.

    Il dottor William C. Mobley, direttore del Center for Down Syndrome Research and Treatment all’Università di Stanford, ha spiegato come la nostra mente sia programmata per ricevere, elaborare e inviare informazioni e come questa continua sinergia tra neuroni sia alla base dell’amore romantico, di quello amicale e di quello materno.

    Lo so che parlare in questi termini d’amore toglie tutto il romanticismo, ma forse per curare i grandi dolori o le emozioni troppo forti, c’è bisogno di sapere di più. Secondo Mobley, il processo che porta la mente a focalizzarsi su un oggetto e a integrare questa percezione con sentimenti soggettivi è alla base dell’amore.

    L’obiettivo degli esperti è quello di creare entro il 2020 il primo modello completo di cervello artificiale. Noi, intanto, non chiediamoci perché amiamo. Non ne vale la pena: prendiamo il sentimento per quello che è e sentiamoci liberi nella nostra quotidianità.