Amore in rete, ma quanto mi costi?

da , il

    online love costi

    L’Amore in rete va molto di moda. Sono numerose le persone che trovano l’anima gemella online. È facile, comodo e permette un approccio un po’ meno diretto, perfetto soprattutto per i più timidi. Altrocosumo, però, ha fatto una piccola inchiesta sui costi. Il risultato? L’amore 2.0 si paga molto salato. Le iscrizioni ai siti di appuntamenti e per cuori solitari hanno prezzi esagerati e quello che può sembrare un apostrofo rosa tra due parole, in realtà, tende al verde, il colore dei soldi. La famosa rivista dedicata ai consumatori ha analizzato 12 siti, i più famosi come Meetic, Onedate e Supereva.

    L’iscrizione iniziale è gratuita nella maggior parte dei casi, ma poi si servizi si pagano. Il più caro è Parship, con un costo annuo di abbonamento di 298,80 euro, il più economico Zonaincontri a 48 euro per due anni. Non sono cifre esagerate, perché se ci pensate si tratta di poche decine di euro, però viene venduta l’illusione che tutto sia gratuito e che qui i sentimenti possano fluire liberi da un pc all’altro. Sul web non c’è età, non c’è estrazione sociale, non ci sono vite passate: ci sono solo persone che s’incontrano.

    Tornando ai prezzi: Meetic propone un’offerta speciale di 12,90 euro al mese, ma attenzione perché l’abbonamento è in realtà semestrale: si parte quindi da oltre 77 euro. Un po’ come succede per le compagnie telefoniche.

    Infine, un piccolo difetto sta sul controllo dell’identità: purtroppo in molti siti chiunque può iscriversi con un’identità falsa, scrive Altroconsumo: tutti i siti analizzati nell’inchiesta prendono punteggi dal mediocre al pessimo in materia di sicurezza e completezza del processo di registrazione. Non è facile trovare l’amore su internet se non c’è trasparenza. Ci si iscrive a questi servizi per evitare le classiche bugie delle chat.