Anima gemella: meglio mantenerla a distanza

da , il

    Anima gemella: meglio mantenerla a distanza

    Anima gemella? Meglio mantenerla a distanza, di minimo 100 km. Lo ha detto una ricerca dell’Osservatorio C-Date che ha preso in esame 1000 italiani tra i 18 e i 65 anni. Per la maggioranza è meglio vedersi una volta a settimana, anche una volta ogni 2 settimane, meglio ancora se il partner vive in una città a metà strada per entrambi. Abbasso invece la convivenza che piace sempre meno perché comporta troppi compromessi.

    I risultati della ricerca Long Distance Lover hanno dimostrato che gran parte degli italiani preferisce le relazioni a distanza alla convivenza. Questo perché consentono di mantenere i propri spazi e la propria libertà, senza scendere a troppi compromessi con il partner. La maggioranza ha affermato che vedersi 1 volta a settimana, o anche ogni due, è decisamente meglio che condividere il tetto.

    Stando ai risultati della ricerca 6 single su 10 negli ultimi 2 anni hanno vissuto una relazione a distanza e fra questi si annoverano uomini di più di 50 anni e donne oltre i 35. Principalmente residenti in zone periferiche o in cittadine di provincia. Il principale motivo per cui, la relazione a distanza, piace è il non dover scendere a compromessi, in secondo luogo per il sesso che risulta più appagante in quanto meno scontato. C’è anche chi parla di benefici a carico delle fantasie erotiche, stimolate dai km che dividono, e delle emozioni.

    Soprattutto le donne hanno dichiarato che una relazione a distanza consente di frequentare più uomini contemporaneamente, anche se la libertà che ne deriva è una delle principali ragioni che spingono le donne, più degli uomini, a preferire questo genere di rapporti. Sebbene la distanza media preferita si aggiri intorno ai 100 Km, una coppia su 5 fra quelle a distanza ha affermato di vivere a 300 km medi di distanza e 1 su 10 vive a 600 o addirittura 1000 km.

    Insomma, se un tempo si diceva che le coppie per durare avevano bisogno di vicinanza, oggi le cose vanno diversamente. E quello che stupisce di più è che, a dispetto dei luoghi comuni, a preferirle sono più le donne degli uomini. Il mondo cambia. E l’amore anche.