Come dichiararsi al proprio amore

da , il

    Le parole latitano, la voce trema: ecco i sintomi principali di una dichiarazione d’amore. E’ la cosa più difficile, soprattutto se siamo molto timide: sentiamo che è arrivato il momento di passare da una storiellina poco impegnativa ad una fase in cui siamo pronte ad un passo importante: dire “ti amo”.

    Tante volte un abbraccio dice molto di più di tante parole ma se proprio volete essere super romantiche perchè non infilare nella sua agenda una poesia d’amore scritta a mano da voi?

    Eccone alcune tra le più belle…e state sicure che lui non potrà rimanere indifferente!

    Afferro le sue mani

    Afferro le sue mani

    e la stringo al mio petto.

    Tento di riempire le mie braccia

    della sua bellezza,

    di depredare con i baci

    il suo dolce sorriso,

    di bere i suoi bruni sguardi

    con i miei occhi.

    Ma dov’è?

    Chi può spremere l’azzurro dal cielo?

    Cerco di afferrare la bellezza;

    essa mi elude

    lasciando soltanto il corpo

    nelle mie mani.

    Stanco e frustrato mi ritraggo.

    Come può il corpo toccare

    il fiore che soltanto

    lo spirito riesce a sfiorare?

    Rabindranath Tagore

    Come ti amo?

    Come ti amo? – Come ti amo? Lascia che ti annoveri i modi.

    Ti amo fino agli estremi di profondità,

    di altura e di estensione che l’anima mia

    può raggiungere, quando al di là del corporeo

    tocco i confini dell’Essere e della Grazia Ideale.

    Ti amo entro la sfera delle necessità quotidiane,

    alla luce del giorno e al lume di candela.

    Ti amo liberamente, come gli uomini che lottano per la Giustizia;

    Ti amo con la stessa purezza con cui essi

    rifuggono dalla lode;

    Ti amo con la passione delle trascorse sofferenze

    e quella che fanciulla mettevo nella fede;

    Ti amo con quell’amore che credevo aver smarrito

    coi miei santi perduti, – ti amo col respiro,

    i sorrisi, le lacrime dell’intera mia vita! – e,

    se Dio vuole, ancor meglio t’amerò dopo la morte.

    Elizabeth Barrett Browning