Come sedurre un uomo al primo incontro?

da , il

    sedurre uomo primo appuntamento

    Sedurre un uomo, per alcune ragazze, è davvero un’operazione complicata. Ci sono donne che per natura nascono gatte. Sono sensuali, come un felino, e sanno prendersi tutto ciò che desiderano. Questa determinazione (che alcune volte è confusa con sfacciataggine) in amore è sicuramente un’arma importante. Non siamo però tutte uguali. Come si fa a combattere la timidezza e fare colpo senza avere le doti naturali del seduttore? Ovviamente seguendo i nostri consigli. Di seguito, infatti, trovate qualche regola d’oro (facile facile) per trasformare il più brutto degli anatroccoli in bellissimi cigni. Abbiate fiducia in noi.

    Il primo incontro


    Il primo incontro è un’occasione fantastica, perché lui non ha aspettative e soprattutto pregiudizi. Non ci conosce e se qualcosa dovesse andare storto, tornerà indisturbato nella sua vita. Già questa cosa dovrebbe rilassarci e farci sentire più a nostro agio. Non abbiamo nulla da perdere. Prima di lanciarvi nell’impresa, ricordate: quali sono le vostre caratteristiche più interessanti? Siete spigliate, siete divertenti, siete piene di mistero, avete una passione particolare o uno sguardo magnetico? Bene puntate su quello. Dovete lasciare il segno e quindi conquistarlo per una cosa che possa ricordarsi anche nei giorni successivi. Cercate quindi di individuare che tipo è: è inutile parlare di Kant a un maniaco del culturismo, così come potrebbe annoiarsi un manager se il vostro unico argomento è lo smalto per le unghie.

    Quanto conta l’aspetto

    Cerchiamo di non essere ipocrite: l’aspetto conta molto. È fondamentale, soprattutto al primo appuntamento. Attenzione, non stiamo dicendo che solo le bellone hanno possibilità di fare conquiste, ma che curarsi e cercare di essere carine deve essere un must per tutte le ragazze. Non siete fisicamente perfette? Non importa, però dovete dare l’impressione di essere curate, pulite, in ordine e possibilmente anche sexy. L’abbigliamento gioca un ruolo fondamentale. Deve essere intonato all’ambiente (a una serata di gala non potete andare in jeans), ma anche al vostro carattere (cercate di non vendervi per quelle che non siete). Infine, la terza regola: state comode. È inutile mettersi dei tacchi altissimi se poi non sapete camminarci o delle gonne corte se non sapete come accavallare le gambe. Dovete sentirvi comode nei vostri panni. Non è una recita. Inoltre, ricordatevi che un certo tipo di abbigliamento raccoglie l’interesse anche di un certo tipo di uomo.

    Sentitevi libere


    Il primo incontro è semplicemente una conoscenza, non è un appuntamento e non è neanche un esame. Non state troppo a pensare al dopo. Potrebbe finire in nulla e questo non deve arrecarvi delusione. Tenete conto che, nonostante l’aspetto interessante, l’uomo dell’occasione potrebbe non piacervi e risultare tremendamente noioso. Nessuno vi obbliga a stare lì con lui. Potete fare retromarcia in qualsiasi momento: sentitevi quindi libere di dargli il vostro numero, di non darglielo, di scappare sul più bello o restare fino all’alba. Ciò che conta, proprio come per l’abbigliamento, è che voi siate a vostro agio. Insomma, se lui non è quello giusto, ne arriverà sicuramente un altro domani. Non dovete sforzarvi di farvelo piacere.

    Foto di publicdomainpictures.net