Corteggiamento, il codice di comportamento

da , il

    romanticisno corteggiamento amore

    Il corteggiamento esiste ancora, anche se il termine è passato di moda e sicuramente le regole sono un po’ cambiate. Che tu sia corteggiato o corteggiatore, devi stare attento a come ti comporti, c’è una sorta di galateo silenzioso per non offendere l’altro. A sottolinearlo è Valter Rossi, esperto di bon ton e autore del libro ‘Modi e mode’ (edito da Pendragon). Insomma, una vera autorità in campo. Ricordiamoci ragazzi che domani è San Faustino, ma se desiderate non passare una festa degli innamorati da soli, vi conviene prende carta e penna e segnarvi qualche regola base. Che ne dite?

    Sono sempre meno i signori che aprono lo sportello della macchina o che cedono il passo alla porta d’ingresso. Parità dei sessi non deve essere sinonimo di maleducazione. “L’innamorato pensa a comprare una dozzina di rose rosse prima di una cena a lume di candela ma poi si vergogna a consegnargliele direttamente, magari gliele fa portare dal ristoratore”, racconta Rossi.

    Ci sono delle differenze tra italiano e americano. L’Americano apre ancora la portiera della macchina ad una signora e le rivolge altre attenzioni. Gesti che le italiane non si aspettano più dai loro connazionali maschi. A tavola però potrebbe voler dividere il conto.

    Il giornalista di etichetta, Santini, ha stilato una classifica sulle nazionalità: gli inglesi sono i più dotati di savoir faire, di stile e quindi “i più galanti sulla faccia della terra”. I russi “garbati”, i francesi “pieni di charme“, gli spagnoli “veri seduttori”, i tedeschi “rispettosi”. Discorso a parte per l’applicazione del galateo orientale, “governato da una sorta di matriarcato di casa”. In Giappone e Cina, il galateo è governato da una sorta di matriarcato di casa. Gli uomini hanno invece un grande rispetto della famiglia della donna.