Crisi di coppia, tutta colpa dei problemi economici

da , il

    infidelity

    I problemi economici e il senso di precarietà mettono in crisi la coppia. Secondo alcuni psicologi, la scappatella è un modo per scappare dal senso di fallimento e di oppressione. Queste interpretazioni mi fanno sempre un po’ sorridere, perché – a mio avviso – è un po’ come giustificare un comportamento scorretto. Non voglio dire che certi impulsi non siano giustamente provocati da agenti esterni, ma non c’è scritto da nessuna parte che sia necessario assecondare sempre l’istinto. Voi, care amiche, cosa ne pensate? Ma vediamo meglio in che cosa consiste questa nuova tesi.

    “In un momento come questo, segnato da gravi disagi economici e lavorativi, la famiglia si ritrova costretta in poco tempo a fare delle rinunce, a cambiare stile di vita. Arrivano allora tensione, stress e, di conseguenza, la ricerca di evasione”, racconta Paola Vinciguerra, psicologa, psicoterapeuta e presidente dell’Eurodap, Associazione europea disturbi da attacchi di panico. “Sono più spesso gli uomini a sentire in modo particolare il peso di questo momento di crisi”.

    Le coppie si rivolgono spesso a un terapista e l’obiettivo è cercare di superare un tradimento da parte di uno dei partner. Sono persone di circa 40 anni e hanno nella maggior parte dei casi un figlio. La terapia non è per nulla facile: è un percorso lungo, fatto prove difficile: come accettare e comprendere l’altro.

    Si può superare tutto questo? Ovviamente la risposta è sì. Non ci riescono tutti, ma ci si può provare. Non bisogna accusare l’altro e soprattutto non bisogna fingere che nulla sia accaduto. Per andare a vanti è necessario tenere la famiglia unita e consolidare quelli che sono stati sempre i punti forti della coppia.