Divorzi “grigi”, voglia di ricominciare dopo i 60 anni

da , il

    donald trump divorzio

    Sono stati definiti divorzi grigi e non sono altro che le separazioni tra persone con più di 60 anni. Ricominciare a vivere al tramonto è una scelta coraggiosa, eppure è diventata molto comune. Probabilmente dipende dal fatto che la vita si è allungata e che le persone hanno meno voglia di rinunciare alla loro felicità, anche se potrebbe dire rivoluzionare la propria esistenza a tarda età. A 60 anni i figli sono grandi, non dovrebbero esserci problemi economici e ci si sente ancora giovani.

    Progettare una nuova vita aiuta a esorcizzare l’idea della vecchiaia. “Il divorzio, in questo contesto, ha anche una valenza di affermazione della propria vitalità e della capacità di potere ancora concedersi una nuova vita”, racconta il professor Zaccaria.

    Poi c’è anche un aspetto fisico. Ci sono numerosi farmaci che servono a migliorare la sfera intima e non c’è uomo pronto a rinunciare al piacere. In più è cambiata la mentalità, la sfera sessuale è circondata da meno tabù, soprattutto per le donne, che vivono la loro femminilità in modo più aperto e disinvolto.

    Il divorzio a 60 anni arriva quando le necessità in camera da letto sono diverse: le signore hanno un crollo ormonale, dovuto alla menopausa, e di conseguenza si riduce il desiderio. Inoltre, la donna senza ormoni ‘perde profumo di donna’ e la rende meno interessante. Resistono i matrimoni in cui l’amore è più importante di tutto.