Divorzio, gli ex coniugi litigano anche per l’affidamento di cani e gatti

da , il

    affidamento animali divorzio

    Il divorzio tira fuori il lato peggiore delle persone. Questo è un dato di fatto e lo sa bene chi ha vissuto da vicino una separazione. Gli ex coniugi litigano davvero su ogni dettaglio, dalla casa al mantenimento, dalla divisione dei libri al servizio di piatti della lista nozze. Poi ci sono i figli e anche gli animali. Le nostre case sono abitate anche da numerosi amici a quattro zampe che, con il tempo, diventano veri e propri membri della famiglia. Ma in caso di divorzio a chi va l’affido del cucciolo?

    Stando ai dati dell’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa), nel 2011 1.954 coppie in fase di separazione hanno chiesto aiuto per risolvere il problema. Tenete conto che il dato è in aumento del 6,1 percento rispetto al 2010, a dimostrazione che si tratta di un problema molto sentito.

    L’associazione ha deciso di lanciare un nuovo servizio di consulenza legale, per fornire assistenza alle coppie che si stanno separando nella gestione dei cuccioli. Le consulenze saranno gestite da avvocati matrimonialisti che avranno come obiettivo il benessere dell’animale. Insomma, proprio come avviene con i bambini. L’Associazione, inoltre, fa sapere: “Saranno poi resi disponibili ulteriori servizi (a pagamento con tariffe minime) di consulenza specifica e di affiancamento legale in fase di separazione degli avvocati del tribunale degli animali agli avvocati di parte”.

    In linea di massima le coppie chiedono com’è meglio dividersi le spese di mantenimento o la gestione del cane o del gatto. In alcuni casi, si discute anche sulla proprietà dell’animale. Spesso il cucciolo diventa anche un mezzo per ricattare il coniuge, creando situazioni davvero imbarazzanti.