Divorzio, la vita ricomincia a 40 anni

da , il

    divorce planner anche in italia

    Il divorzio batte il matrimonio uno a zero. Questa è una dura realtà e sembra essere una tendenza (molto occidentale) in continua ascesa. E lo dimostra la nascita, negli ultimi due anni, del divorce planner. Tenete in considerazione che solo in Italia il trend è stato un po’ questo: nel 1995 ogni 1.000 matrimoni si sono registrati 158 separazioni e 80 divorzi, nel 2009 si arriva a 297 separazioni e 181 divorzi. L’età media alla separazione è di 47 anni per i mariti e 43 anni per le mogli. Questi sono i dati Istat più recenti. La vita ricomincia a 40 anni.

    Ma da dove si riparte? Non è facile: oltre ad avere il cuore in pezzi, bisogna anche fare i conti con la casa e le questioni legali. Ecco che il divorce planner torna davvero molto utile. A chiedere aiuto, però, non è solo il genere femminile, forse perché il terzo millennio si prepara a non averne alcuno.

    Per esempio, il 30% dei clienti di ‘Ciao Amore’, la prima agenzia di divorzio a Roma, sono infatti uomini. Milena Stojkovic, titolare dell’agenzia, commenta così: “Gli uomini normalmente sono meno propensi a chiedere un aiuto esterno ma la società non è più la stessa, anche la legislazione sul divorzio sta mutando e si inizia a dare più attenzione anche ai padri divorziati e alle loro esigenze”.

    Il divorce planner ha il ruolo di ascoltare e capire i problemi che deve affrontare la persona in questo momento delicato della vita. Diventano degli assistenti privati. Per diventare un professionista del settore bisogna avere ottime abilità comunicative, capire le esigenze del cliente, ascoltarlo ed essere in grado di orientarlo nelle scelte. Insomma, se proprio deve esserci una separazione che almeno sia indolore.