Donna di 43 anni incinta sposa il baby fidanzato di 15 anni

da , il

    donna 43 anni fidanzato 15 anni

    Oggi vi raccontiamo la storia della donna di 43 anni e del suo baby fidanzato di 15 anni. Una vicenda che ha scandalizzato l’Austria e l’Europa e che ora si fa ancora più intricata. La donna è infatti incinta e ha dichiarato di volere sposare il fidanzato di 28 anni più giovane di lei. Con un piccolo particolare: lui è ancora minorenne! Tutto comincia nel novembre del 2010 quando lei, che era allenatrice di pallamano e insegnante di chimica fu condannata a 22 mesi di reclusione con la condizionale per la relazione e per i rapporti sessuali avuti con il ragazzo, all’epoca tredicenne.

    I due hanno anche pubblicato un libro, “41 und 14″, in cui raccontano la loro storia d’amore. Ora lei aspetta un bambino che nascerà il prossimo giugno e l’intenzione della coppia è quella di sposarsi al più presto.

    La donna nel libro racconta i suoi primi approcci con il ragazzino. Lui l’avrebbe sedotta dopo una lezione privata di chimica. E’ stato lui a prendere l’iniziativa visto che, come dichiara lei, “dopo tutto, io sono solo una ragazza”.

    Ovviamente i genitori del ragazzino hanno subito denunciato tutto alla polizia che ha arrestato la donna ma poi la condanna è stata sospesa. L’opinione pubblica non sembra d’accordo però con questa decisione e la donna è anche stata cacciata dalla scuola in cui lavorava.

    Peccato che la donna giudichi la sua relazione legittima, mentre se qualcuno le chiede cosa farebbe se scoprisse una relazione con un uomo 41enne di sua figlia Emily, 14 anni, avuta da un precedente matrimonio , dice: “Dovrei dare la caccia al diavolo! Non importa quanto siano intelligenti, le ragazze sono molto più candide dei ragazzi. Basta dire “ti amo” ad una ragazza perché ci caschi”.

    “Avrei avuto la possibilità di poter soddisfare i miei desideri amorosi con un numero sufficiente di ragazze, se solo l’avessi voluto. L’unico problema è che non ero innamorato”, ha detto il ragazzo. “Tutti mi consideravano una vittima… e dicevano che era stata lei ad avermi portato tra le sue braccia. Niente di più falso”.

    Voi cosa ne pensate?