Donne single: il desiderio di sposarsi

da , il

    Il matrimonio è in crisi, ma il desiderio di sposarsi non è tramontato ogni donna a un certo punto della sua vita desidera dire sì, anche quelle che da bambine volevano sposarsi con il papà o hanno giurato che non si sarebbero mai innamorate. In questo, siamo tutte uguali (o quasi). La diversità sta nella motivazione, nel modo in cui ci si vuole sposare o nella scelta del tipo di marito. Ognuna, camminando nella sua personalissima direzione, costruirà la sua vita, ma il punto di partenza sta lì, nel desiderio di rendere la propria unione autorevole: regolare.

    Lo so che il termine regolare non è tanto bello e toglie romanticismo al rapporto, ma di questo si tratta. Dei diritti che abbiamo, e che a loro volta hanno, nei nostri confronti. E soprattutto dei doveri. La possibilità di curare l’altro, di farlo padre dei nostri figli senza che lui debba andare in Comune a verbalizzare il riconoscimento del bebè, condividere ogni aspetto dal più stupido al più complesso. E essere guardate all’interno di un ruolo.

    Secondo l’Istat ben mezzo milione di persone convola a nozze ogni anno: lui ha in media 32 anni, lei 30. Però quasi un matrimonio su 3 (il 27,3%) termina con una separazione e tra l’altro dopo pochi anni. Poi c’è la convivenza: sono circa 670mila le libere unioni in Italia. E nonostante questo c’è la necessità di sposarsi.

    C’è bisogno di libertà, ma c’è anche bisogno di regole. Nel nostro paese manca totalmente un’alternativa al matrimonio: non esistono le unioni civili e diventa la scelta delle nozze un passo obbligatorio. Poi c’è anche una questione sociale: la precarietà del lavoro, che spinge la necessità di stabilizzare i rapporti.

    «È un apparente paradosso che si spiega così: più la nostra società è instabile, sia dal punto di vista del lavoro che dei legami, più i rapporti affettivi diventano importanti. In altre parole: più i matrimoni si rompono, aumentando il generale senso di instabilità e di solitudine, più si ha voglia di legarsi in maniera profonda a qualcuno, dunque di sposarsi», chiarisce Paola Di Nicola, docente di Sociologia della famiglia all’Università di Verona a Cosmopolitan.

    Ma ha davvero senso tutto questo o è solo voglia di conformità. Una ragazza di trent’anni scegli l’abito bianco e superata questa soglia diventa una missione. Perché? Lo abbiamo visto in Sex and The City in cui per anni si è parlato di amore e amicizia, ma in fondo il vero obiettivo erano le nozze. E così superati i 40 anni 3 amiche su 4 si sono sposate e hanno finalmente conquistato quella vita borghese, rinunciando alla singletudine e in parte anche al proprio io. Tutto questo per amore? forse o forse per egoismo, perché siamo fatti per stare in coppia. Solo così ci sentiamo più forti.

    Foto tratte da

    corriere.it

    blogspot.com

    hookedonhouses.net

    incontrincorso.it

    donnaclick.it