Donne singles: come (e dove) trovare l’amore

da , il

    Decisamente più facile a dirsi che a farsi. Se non vivete a New York , non avete amiche spassose e divertenti, non siete costantemente corteggiate da uomini bellissimi e ricchissimi e non vi potete permettere (da sole) montagne di Manolo Blahnik e Louboutin, la singletudine può rivelarsi decisamente poco divertente! Ma come fare a trovare a trovare l’uomo perfetto? Per prima cosa molte donne sono convinte che l’amore deve capire: ok, bisogna essere un po’ fatalisti nella vita, ma contando che negli ultimi mesi gli unici contatti maschili che avete avuto sono stati quelli con i vostri colleghi (sposati e decisamente poco attraenti), con il fornaio (di 80 anni) e il vostro gatto, forse sarebbe il caso di darvi una mossa e uscire!

    A questo proposito c’è un libro molto interessante che si intitola “Uomini!” scritto da Isabel Losada (Feltrinelli) con pratici consigli su come incontrare l’anima gemella.

    «Il problema non è trovare un uomo con cui fare l’amore. Il problema è trovare un uomo con cui sia bello cenare. Uno con cui, quando lo si conosce, si vorrebbe uscire a cena e che, dopo essere usciti, si vorrebbe rivedere».

    Eggià…facile a dirsi! M quali sono i porti migliori per incontrare un uomo. Prima di tutto provate a puntare sui corsi. Chiaramente sarà un po’ difficile trovare l’anima gemella al corso di danza contemporanea, ma magari provate a frequentare qualche degustazione di vini o lezioni di bricolage, per non parlare di sport come le immersioni o la vela.

    Secondo punto: abbassate le pretese. Noi donne siamo maestre in questo e sappiamo mandare al diavolo un uomo solo perché il colore della sua camicia non era perfettamente abbinato a quello del maglione.

    «Ma, in effetti, se pensate alle vostre storie quanti hanno soddisfatto questi criteri? L’ultimo che ho conosciuto e al quale ho voluto molto bene aveva lasciato la scuola a quindici anni e un mio precedente fidanzato era calvo. Eppure non sceglierei mai un calvo da una fotografia», sottolinea Isabel Losada.

    Evitate infine agenzie matrimoniali o siti di incontri: spesso la delusione è in agguato. Molto meglio una storia che inizia con prospettive reali ma soprattutto “in carne ed ossa”!