Dormire insieme? Le coppie preferiscono separare i letti

da , il

    letti separati

    Dormire insieme è un gesto di grande intimità, ma se per le coppie di oggi non fosse più così? Lo spazio limitato del materasso può essere davvero troppo piccolo per due persone che necessitano muoversi e soprattutto silenzio. Insomma il piacere di svegliarsi la mattina guardandosi negli occhi, è molto meno importante che riuscire ad avere una notte di sonno serena. A sottolineare questa nuova tendenza è un sondaggio di Parship.it, che ha dimostrato che le donne (il 52 percento delle intervistate) preferisce separare i letti.

    Il portale d’incontri per single ha svelato quindi una novità interessante: una coppia su due potrebbe dormire in due letti diversi. Ma per quale motivo? Prima cosa per comodità. I coniugi tendono ad avere esigenze differente, come per esempio si alzano a orari diversi o lei soffre il caldo e desidera la stanza calda tutto l’anno e lui, invece, accenderebbe il condizionatore anche in estate. Poi ci sono le piccole abitudini della sera, che possono disturbare: uno dei due vuole leggere fino a tardi, perché soffre d’insonnia, o pretende di andare a letto presto di non avere la tv. Tante piccole cose, alcune anche molto sciocche, che però rendono il talamo nuziale una zona di guerra, più che d’amore.

    Letti separati anche per i single?

    I single di Parship.it sposa perfettamente la tendenza: il 35 percento delle single sostiene, che qualunque siano i costi dei partner, le camere separate sono sempre la scelta più opportuna, per fare in modo che ognuno possa rispettare le sue abitudini. Insomma, dopo aver consumato il rapporto, l’ospite deve rientrare nel suo letto. Una scelta davvero un po’ triste e condivisa solo dal 20 percento degli uomini. Dormire insieme non è semplice, soprattutto all’inizio quando non si è abituati a dividere lo spazio o si viene da un lungo periodo di singletudine, ma la vita di coppia è fatta di piccoli sacrifici, come questo.

    Gli uomini preferiscono dividere il letto

    Sarà che gli uomini in media fanno meno fatica a riposare, sarà che sono diventati più romantici delle donne, ma la metà degli intervistati preferisce dividere il letto con la partner, perché si tratta di un momento di intimità e va al di là del sesso. Le donne che condividono questa opinione sono meno di un terzo, solo il 29 percento. Forse le signore di oggi sono il risultato di donne Stakanov che per anni hanno accettato il dolce russare del marito senza mai lamentarsi. Forse, più semplicemente, l’intolleranza e l’egoismo sono tali che non si accettano più i compromessi, neanche per cose così piccole.

    La soluzione? Una camera, due letti

    Alcune persone hanno proposto una soluzione a questo problema: per il 20 percento dei single è possibile prendere, quando si è in vacanza, una camera matrimoniale da condividere e un’altra camera dove fuggire per avere uno spazio privato. Poi ci sono quelli che optano, invece, solo per dividere i letti: in questo caso le suite si prestano perfettamente. È proprio da questa teoria che nasce la tendenza degli eterni fidanzatini, quelli che anche dopo 20 di unione continuano a vivere in due case diverse. Questo progetto di vita è condiviso dal 10 percento degli uomini e dal 15 percento delle donne.