Dormire nudi: tutti i benefici di questa abitudine

da , il

    dormire nudi

    Addio a tute e pigiamoni. Secondo gli esperti infatti andrebbero banditi tra le lenzuola e non per motivi di sensualità in risposta a quelle regole non scritte ma ben salde nell’immaginario comune per allontanarsi dallo stereotipo alla Bridget Jones, ma per una vera e propria questione di salute. Si perché studi e ricerche scientifiche rivelano infatti che dormire nudi contribuirebbe al benessere individuale e, naturalmente, a quello di coppia. Dopo una lunga giornata di lavoro, magari intrappolate in vestiti scomodi e sui tacchi, la sensazione di libertà procurata dal contatto diretto della pelle con le lenzuola risulta davvero piacevole. La pelle infatti respira più facilmente, il corpo mantiene la temperatura ideale e il fisico riceve stimoli positivi garantendo un avvento del sonno più tempestivo e un incremento del desiderio sessuale. I benefici, secondo gli esperti, riguarderebbero infatti la sfera umorale e ormonale riflettendosi così di conseguenza su quelli prettamente fisici.

    Benefici di coppia

    Il segreto benefico riservato alle coppie nel dormire nudi si chiama ossitocina, ormone capace di generare felicità, ridurre stress e pressione sanguigna. È il cosiddetto “ormone dell’amore” che si scatena infatti quando i due corpi entrano in contatto con risultati decisamente superiori se privi di indumenti. Già diversi studi scientifici avevano confermato che dormire abbracciati contribuisse al benessere di coppia se in più si tolgono i vestiti il risultato deve essere decisamente positivo. Ad avvalorare la tesi un recente sondaggio condotto dal brand di abbigliamento Cotton USA dal quale è emerso che il 57% delle coppie che sotto le lenzuola non indossa abbigliamento notturno è più felice rispetto alle altre. Un valido segreto quindi per mantenere convivenze e matrimoni in armonia giustificato naturalmente dall’intesa che andrebbe a crearsi, o intensificarsi, all’interno della coppia.

    Benefici individuali: addio allo stress e al senso di fame

    Ma i vantaggi non sarebbero solo quelli legati alla vita di coppia ma l’andare dormire senza vestiti e biancheria intima contribuirebbe anche al benessere individuale. Tra i vantaggi di questa abitudine ci sarebbe anche quello di riuscire a mantenere una corretta temperatura corporea. Il caldo percepito nelle ore notturne, talvolta procurato da indumenti eccessivamente felpati o pesanti, rischia infatti di essere tra le principali cause di interruzione del sonno che porta come conseguenza l’incremento del livello di cortisolo, provocando senso di spossatezza e sensazione di fame. Quindi a risentirne anche il girovita non solo per il sentore di sazietà garantito dalla riduzione di tale ormone ma anche perché al fresco il nostro corpo brucia più calorie. Inoltre, quando dormiamo a temperature superiori ai 21 gradi, l’organismo interrompe il rilascio degli ormoni che contrastano l’invecchiamento tra cui anche la melatonina i cui benefici sono molteplici Un consiglio per le fedeli a pigiama e camicia da notte che intendono provare tale abitudine è quello di procedere per gradi perché le prime volte potrebbe risultare traumatico ma a lungo andare potreste trovare anche voi nel dormire nudi il vostro segreto del benessere.