Essere libertini è ancora un tabù?

da , il

    essere-libertini-tabu

    Essere libertini è ancora un tabù? Se per gli uomini il problema non sussiste, ben diversa è la situazione al femminile, come al solito siamo le più sfortunate! Perché se a loro è concesso vantarsi di qualunque nuova conquista, a noi non è permesso nemmeno sorridere troppo, rischiando di passare per “facili”. Lui è un ganzo, uno che ci sa fare, un playboy da urlo, lei è una poco di buono, una da una notte e via, una tipa poco raccomandabile, certamente una da non sposare. I pregiudizi sono duri a morire, specialmente quelli che riguardano noi donne.

    Per le donne è un tabù

    Non vale per gli uomini, abituati, da che mondo è mondo, a vantarsi delle loro conquiste, esibendole orgogliosi agli amici. Perché collezionare donne come fossero francobolli è un lusso che solo i migliori possono permettersi, quei maschi che un tempo, nemmeno troppo lontano, facevano strage di cuori. Invidiati dai loro simili, bramati dalle femmine. Meglio perderli che trovarli, non c’è detto più veritiero e forse, finalmente, ce ne siamo accorte. Peccato che questa nuova consapevolezza al femminile non basti per far cambiare idea ai maschi, aggrappati a vecchi schemi mentali e ad antiquate certezze. Una fra tutte, l’idea che la libertà sessuale sia loro prerogativa, a dispetto dei costumi in trasformazione.

    SCOPRI I MOTIVI PER CUI UNA DONNA TRADISCE

    Perché ammettiamolo, una donna libertina, una che sa quello che vuole e se lo prende senza troppe fisime mentali, procura un certo prurito. E una volta consumato il rapporto, il maschio medio la etichetta al solito, vecchio modo: “è una facile”. Il rischio di finire nella categoria è alto, bastano addirittura un sorriso di troppo, una gonna troppo corta, un’occhiata maliziosa, a sentire i sondaggi. Se poi la donna in questione, a letto si comporta come un uomo, peggio ancora. Qui scatta puntuale la rivalità e quando si tratta di sesso non c’è parità che tenga!

    Ma se gli uomini di un tempo ci volevano zitte, servili, possibilmente vergini e poco ambiziose, oggigiorno le pretese si sono un tantino moderate e c’è persino chi è disposto a collaborare. Guai però a imitare Samantha Jones, nemica acerrima dell’uomo medio, che in virtù del suo sconfinato egocentrismo, tollera tutto ad eccezione di un atteggiamento femminile troppo “sconsiderato”. Insomma, espansive sì, facili no. Che ne sarà di noi???