Frasi d’amore: tristi per una storia finita

da , il

    Quando un amore finisce lascia sempre una gran senso di vuoto e di tristezza: se poi siamo noi quelli abbandonati, la rabbia può prendere il sopravvento. Oggi vi vogliamo proporre alcuni aforismi famosi dedicati proprio al sentimento più bello ma anche tormentato del mondo: l’amore. Quando ci innamoriamo infatti possiamo camminare davvero a tre metri dal suolo ma quando una storia finisce ci lascia solo l’amaro in bocca. Ecco qualche frase da dedicare a chi vi ha lasciato!

    Qualsiasi essere amato – anzi, in una certa misura qualsiasi essere – è per noi simile a Giano: se ci abbandona, ci presenta la faccia che ci attira; se lo sappiamo a nostra perpetua disposizione, la faccia che ci annoia.

    (M. Proust, Alla ricerca del tempo perduto)

    Si ama solamente ciò in cui si persegue qualcosa d’inaccessibile, quel che non si possiede.

    (M. Proust, Alla ricerca del tempo perduto)

    Per favore, un po’ meno d’amore e un po’ più di dignità.

    (K. Vonnegut, Slapstick or Lonesome No More!)

    Per tutti, anche per i più fortunati, l’amore comincia necessariamente con una sconfitta.

    (H. Hesse)

    Sedurre significa incarnare, agli occhi di un altro, la sua attesa. E questo, nella seduzione intenzionale, implica fatalmente un travestimento.

    (G. Pontiggia, Il giardino delle Esperidi)

    Non c’è perdita che ci tocchi così vivamente e per così poco tempo come quella di una donna amata.

    (Vauvenargues)

    Chi si forma un legame è perduto.

    (J. Conrad)

    Amore (s.m.): parola inventata dai poeti per far rima con cuore.

    (A. Bierce, Dizionario del diavolo)

    Bisognerebbe non conoscerlo mai, l’amore. Continuare a sperarci… Ma che non venisse mai.

    (C. Cassola, Un cuore arido)

    L’amore, se lo si giudica dalla maggior parte dei suoi effetti, assomiglia più all’odio che all’amicizia.

    (F. de la Rochefoucauld)

    In amore non amare troppo è un mezzo sicuro per essere amati.

    (F. de la Rochefoucauld)

    Amore e amicizia si escludono a vicenda.

    (J. de la Bruyere)

    Non si ama veramente che una sola volta, la prima. Gli amori che seguono sono meno involontari.

    (J. de la Bruyere)

    In amore, solo gli inizi hanno fascino. Non mi sorprende che si provi piacere a ricominciare spesso.

    (C.-G. de Ligne)

    Amor, ch’a nullo amato amar perdona.

    (Dante, Inferno)

    Amare sì che è una fortuna, non l’essere amati.

    (H. Hesse)

    Amare vuol dire non dover mai dire: “Mi dispiace”.

    (E. Segal)

    Nulla è difficile per chi ama.

    (Cicerone)

    L’amore consiste in questo, che due solitudini si proteggono a vicenda, si toccano, si salutano.

    (R.M. Rilke, Lettere a un giovane poeta)

    C’è un unico amore che regge: quello non corrisposto.

    (dal film Ombre e nebbia, 1992)

    Credevo che l’amore durasse per sempre. Sbagliavo.

    (W.H. Auden)

    Monsieur Teste, del resto, pensa che l’amore consiste nell’essere cretini insieme.

    (P. Valery, Monsieur Teste)

    Chi mai amò, che non abbia amato a prima vista.

    (C. Marlowe, Ero e Leandro)

    L’amore coniugale, che persiste attraverso mille vicissitudini, mi sembra il più bello dei miracoli, benché sia anche il più comune.

    (F. Mauriac, Diario)

    L’amore perfetto significa amare quella persona che ci renderà infelici.

    (S. Kierkegaard)

    Odio e amo. Forse chiedi perché lo faccia. Non lo so, ma lo sento e mi tormento.

    (Catullo)

    I litigi degli amanti rinnovano l’amore.

    (Terenzio)

    Ma che cosa è questo amore, che fa tutti delirare? È una gioia? è un gran dolore? è una cosa da morire?

    (A. Campanile, Ma che cosa è questo amore?)

    Non amo che le rose / che non colsi. Non amo che le cose / che potevano essere e non sono / state…

    (G. Gozzano, Cocotte)

    Questo è il dolore della vita: che per essere felici bisogna essere in due.

    (E.L. Masters)