Il primo amore? Non si scorda mai perchè è un trauma!

da , il

    Primo amore

    Il primo amore non si scorda mai e non certo per le dolci emozione che ha provocato in noi ma semplicemente perché, nel ricordo, i circuiti neuronali dell’ansia e della paura, si riattivano e provocano nel nostro cervello una specie di trauma. Se vi aspettavate una spiegazione più romantica, mi discpiace deludervi: ed è così in tutte le culture, l’innamoramento è per la società un elemento distruttivo più che costruttivo. Lo rivela lo studio della Stony Brook University 1 di New York che per anni ha indagato sulle risposte cerebrali legate ai sentimenti di breve e lungo periodo.

    E’ il primo forte sentimento, il primo amore, che provoca in noi delle reazioni neuronali nel cervello del tutto diverse rispetto a quelle degli amori successivi. E come spiega il professore Art Aron, che ha condotto la ricerca, “che quell’esperienza amorosa resterà per sempre marchiata a fuoco dentro di noi”.

    Lo studio è stato divulgato sulla rivista Human Brain Mapping, è stato svoltoin Cina dal ricercatore Xiaomeng Xu, grazie 18 volontari che hanno osservato volti di persone amate in modo romantico, passionale o amichevole.

    “Con l’analisi degli impulsi cerebrali abbiamo riscontrato, in concomitanza con l’immagine della persona amata romanticamente, una forte attivazione nelle aree che regolano i meccanismi motivazionali, notando che i volontari che stavano vivendo quel tipo di sentimento erano più soddisfatti sia nelle relazioni a breve che a lungo termine. Le immagini di amori passionali, invece, attivavano le zone del cervello che regolano tensione e paura”.

    Ed è innegabile che, per quanto bello, il primo amore non provochi ansia e incertezza in tutti noi. Gli amori successivi magari saranno più duraturi ma crescendo, anche il nostro approccio verso questo sentimento cambia radicalmente.

    Fotografia tratta da

    blog.donnamoderna.com