Il primo salone del divorzio, della separazione e della vedovanza

da , il

    Divorziare è importante quanto sposarsi. Anzi, forse di più. Il motivo? Se durante il matrimonio si è in due, qui tutte le energie sono raccolte su un unico individuo che all’improvviso si trova a dover ricominciare la sua vita. Dopo un esperimento nel 2007 in Austria, arriva infatti il primo salone “del divorzio, della separazione e della vedovanza”.

    Al sole trovate di tutto, anche l’assistenza legale per dirimere i litigi e negoziare le questioni patrimoniali (la comunione dei beni diventa un grosso scoglio), che non sono mai un problema tranne quando si comincia a discuterne sul serio. E un buon motivo c’è : almeno metà dei divorzi non sono consensuali. Poi potete trovare assistenza psicologica, specialisti di chirurgia estetica, dermatologia, istituti di bellezza. Come a dire che a una certa età non si trova un nuovo partner senza fare qualche sforzo in campo estetico. E agenti immobiliari per la casa.

    Si calcola che metà dei matrimoni francesi finisca con un divorzio nelle grandi città, un terzo nel resto del paese. Nel 2006, il 18,86 per cento delle unioni non era durata più di 5 anni, il 27% tra cinque e dieci, il 19,4% tra dieci e quattordici. Sempre nel 2006, i tribunali hanno pronunciato 135 mila 910 divorzi (20 mila in meno rispetto all’anno precedente), la metà dei 274 mila 400 matrimoni. Il tasso di divorzio è passato dal 12 per cento del 1970 al 42 per cento.).

    Numeri impressionanti che però non sono significativi di una crisi dell’istituzione. Perché nella maggior parte dei casi ci si risposa, formando famiglie nuove (allargate e spesso incasinate) come per dire il matrimonio non è per sempre ma l’amore sì.

    Foto tratte da

    marotochi.it informatrieste.eu marieclaire.it