Il segreto per piacere agli altri

da , il

    Lo avevamo notato già a scuola e sul lavoro è ancora più evidente. Ci sono persone seduttive, che stanno simpatiche a tutti, che non si perdono un invito e che la gente fa a gara per contendersele, mentre c’è gente che non ha appeal. Da che cosa dipende?

    “È abbastanza comune trovare persone che straparlano di sé, che fanno subito una sgradevole pubblicità alle proprie opinioni anche di fronte a chi incontrano per la prima volta…”, spiega Antonella Delle Fave, docente di Psicologia generale all’Università di Milano, racconta a Psychologies. “Ecco perché chi è costruito ‘al contrario’, chi cioè sa ascoltare e capire il proprio interlocutore prima di intervenire, ha un grande potenziale di attrazione” .

    Creare un rapporto empatico, in cui il nostro interlocutore si senta a suo agio, non è facilissimo se non ci siamo portate, ma si può imparare. La chiave di tutto è l’ascolto, uno degli elementi principali.

    Non pensiamo sia uno strumento utile solo al nostro interlocutore, ascoltare ci lascia il tempo di raccogliere le informazioni necessarie per instaurare il tipo di comunicazione più appropriata alla persona e dimostra nello stesso tempo apertura e interesse nei suoi confronti. Inoltre, dà la sensazione di non essere egoisti concentrando tutto sulla nostra persona.

    Per ascoltare è necessario essere presenti e sicuri di sé: chi è nervoso perché teme di fare brutta figura rischia di concentrarsi troppo su se stesso ignorando i segnali che invia l’altro. Un’altra cosa importante è la positività. E poi c’è il linguaggio del corpo: come sorridiamo, come ci muoviamo.

    È un atteggiamento mentale che si manifesta attraverso i piccoli gesti della quotidianità, la qualità dei pensieri, il linguaggio: le persone positive vedono sempre il bicchiere “mezzo pieno” e lasciano quello “mezzo vuoto” a chi preferisce disperarsi. È un modo che conquista sempre, soprattutto il nostro capo.

    Evitate, invece, di essere troppo insistenti nelle vostre richieste di attenzione: battute spinte, provocazioni gratuite o esibizionismi e non abbiate paura di lanciarvi.