Il vero amore fa battere il cuore anche dopo anni

da , il

    amore giovanile

    L’amore vero, quello che dura da una vita, non ha nulla da invidiare alle relazioni appena nate. È proprio così. I rapporti di coppia spesso vengono banalmente classificati prima frequentazione e poi storia seria. Sono due definizioni che non piacciono e soprattutto che mettono delle etichette ai sentimenti molto convenzionali. Uno studio del Dipartimento di psicologia dell’Università Stony Brook di New York racconta che le differenze, tra chi ha un rapporto d’amore da molto tempo e chi è innamorato da poco, sono inesistenti.

    Per giungere a questa tesi, sono state fatte delle misurazioni cerebrali per mezzo di una macchina per la risonanza magnetica funzionale. I dai dati raccolti hanno dimostrato che l’attività maggiore era regioni associate alla ricompensa, la motivazione e le voglie in entrambi i gruppi di coppie, ossia quelle sposate o conviventi da molto tempo e quelle formate da poco.

    L’Avt è la zona del cervello che comprende le regioni associate al piacere, la ricompensa, la soddisfazioni, ma anche euforia e motivazione a raggiungere un obiettivo. È qui che si stimola la produzione di dopamina (che influisce anche nel tradimento) e l’attività sembra essere identica, tra le persone con diversi tipi di relazione.

    Ora diciamoci la verità, non ci sono solo le reazioni biochimiche e le farfalle nello stomaco non si possono sentire in eterno. Ci sono dei momenti nella vita, in cui l’amore diventa più maturo, non per questo meno profondo. E poi ci deve essere la fortuna di incontrare la persona giusta.