L’amore non deve essere una prigione, parola di Malika Ayane

da , il

    malika ayane amore prigione

    Torna con il nuovo album che parla d’amore la cantante Malika Ayane. E chi più di lei ha vissuto così intensamente questo sentimento? La cantante infatti si è recentemente sposata, dopo la fine (un po’ troppo repentina, secondo molti) della sua storia con il collega Cesare Cremonini. Malika sa parlare d’amore in modo davvero splendido e le sue canzoni sono delle vere e proprie poesie. Ma è la vita che le ha dato la lezione più grande sull’amore: qualsiasi sentimento, seppure grande e profondo, non può diventare una prigione.

    Il suo album racconta e sviscera l’amore, dalla nascita fino al momento, che capita in ogni relazione, in cui entra in gioco la razionalità. La prima parte dell’album parla dell’amore folle, quello irrazionale che “può portarti a suonare a casa di qualcuno durante la notte cosa che però io non ho mai fatto”, come sottolinea la stessa Malika. La seconda invece racconta il momento della riflessione, quella parte che “fa fare un passo indietro e ti convince di avere un maggiore autocontrollo”.

    Malika ha scelto proprio di cantare l’amore nel suo nuovo disco e spiega così la sua decisione: “Non conosco altre cose bene come l’amore. Baso la mia vita sull’emotività che coltivo oltre agli impegni di lavoro, i tour, gli spostamenti in albergo. Ho raccolto le mie sensazioni, ma anche di persone che mi stavano attorno, per cantare questo sentimento. Il brano che chiude il disco, ‘Occasionale’, è il trionfo dei sentimenti. Mi sono commossa molto a cantarla fino ad avere i singhiozzi”.

    Dopo la sua storia con Cesare Cremonini, finita in modo repentino, Malika ha conosciuto l’uomo che sarebbe poi diventato suo marito. Secondo la cantante quindi, “è bello vivere un sentimento ma è altrettanto importante non lasciare che l’amore fagociti la nostra vita. Non dobbiamo perdere di vista le cose importanti e la nostra indipendenza pur amando una persona”.

    Dolcetto o scherzetto?