La commovente lettera di un marito alla moglie

da , il

    lettera-di-un-marito

    La commovente lettera di un marito alla moglie. Storie di ordinaria amministrazione, lui che si innamora di un’altra, magari più giovane, dimenticandosi di quella moglie che gli è stata accanto, nel bene e nel male, per una vita. Non sempre l’amore resiste al trascorrere del tempo, questo è vero, ma spesso le ragioni apparenti celano verità difficili da ammettere, in primis a se stessi. Perché l’amore è come un fiore, necessita di continue attenzioni, dimenticarsi di annaffiarlo è il primo passo verso la fine. Purtroppo capita di accorgersene troppo tardi, quando tutto ormai è irrecuperabile. Il protagonista di questa storia rientra nella triste casistica: un marito assente, un adultero convinto di non provare più nulla per la consorte, deciso a chiederle il divorzio in nome di un amore più giovane e fresco. Finché la strana richiesta della moglie non sconvolge i suoi piani, facendolo ricredere.

    Quando tornai a casa quella sera mia moglie aveva servito la cena. Le presi la mano e le dissi: “Ho qualcosa da dirti.” Si sedette e mangiò in silenzio. Ancora una volta osservai il dolore nei suoi occhi. Improvvisamente non sapevo come aprire la bocca. Ma ho dovuto farle sapere quello che stavo pensando riguardo al divorzio. Ho affrontato il tema con calma. Non sembrava infastidita dalle mie parole, ma mi chiese dolcemente: “Perché?” Evitai la sua domanda. Questo la fece arrabbiare. Gettò via le bacchette e mi gridò: “Tu non sei un uomo!”

    Quella notte, non parlammo. Lei piangeva. Sapevo che voleva sapere cosa fosse successo al nostro matrimonio. Ma non riuscivo a darle una risposta soddisfacente; il mio cuore era ormai di Jane. Non la amo più, ho appena pietà.

    Con un profondo senso di colpa, ho redatto un accordo di divorzio dove dichiaravo che le sarebbero rimaste la nostra casa, la nostra macchina e il 30% della mia compagnia. Lo ha guardato e poi lo ha fatto a pezzi. La donna che aveva trascorso dieci anni della sua vita con me era diventata un estraneo. Mi è dispiaciuto averle fatto sprecare tempo, risorse ed energia, ma non riuscivo a riprendere quello che avevo detto. Adesso amo Jane.

    Finché non si mise ad urlare di fronte a me, era quello che mi aspettavo di vedere. Per me il suo grido era in realtà una sorta di liberazione. L’idea del divorzio che mi aveva ossessionato per diverse settimane sembrava essere più solida e più chiara ora.

    GUARDA LA LETTERA D’AMORE DI NAPOLEONE A GIUSEPPINA BEAUHARNAIS

    Il giorno dopo, tornai a casa tardi e la trovai intenta a scrivere qualcosa sul tavolo. Non cenai, ma andai direttamente a dormire e mi addormentai molto velocemente dopo una giornata intensa con Jane. Quando mi svegliai, era ancora intenta a scrivere.

    La mattina presentò le sue condizioni di divorzio. Non voleva qualcosa da me, ma aveva bisogno di un preavviso di un mese prima del divorzio. Chiese che in quel mese ci impegnassimo a vivere una vita il più normale possibile. I suoi motivi erano semplici; nostro figlio aveva gli esami in quel mese e non voleva disturbarlo con il nostro divorzio.

    Questo è stato piacevole per me, ma voleva qualcosa di più. Mi chiese di ricordare come l’avevo portata nella stanza nuziale il giorno del nostro matrimonio. Chiese che ogni giorno per tutta la durata del mese, la portassi dalla nostra camera da letto alla porta di casa in braccio. Pensai che stesse impazzendo, ma solo per assicurarmi che i nostri ultimi giorni insieme fossero tollerabili, accettai la sua strana richiesta.

    Rivelai a Jane le condizioni di divorzio di mia moglie. Lei rise forte pensando che fosse assurdo. “Non importa quali trucchi applica, deve affrontare il divorzio”, disse con disprezzo.

    Io e mia moglie non avevamo avuto alcun contatto fisico da quando la mia intenzione di divorziare era stata espressa in modo esplicito. Così, quando iniziò il primo giorno del mese, risultammo goffi. Nostro figlio ripeteva dietro di noi, “Papà ha la mamma in braccio.”

    Le sue parole mi addolorarono. Dalla camera da letto al soggiorno e alla porta, camminai per più di dieci metri con lei nelle mie braccia. Chiuse gli occhi e disse a bassa voce, “Non dire a nostro figlio del divorzio.” Annuii, sentendomi un po ‘turbato. La posai a terra fuori dalla porta. Andò ad aspettare l’autobus. Guidai da solo verso l’ufficio.

    Il secondo giorno, tutto risultò più facile. Si appoggiò sul mio petto. Sentii il profumo della sua camicia. Mi resi conto che non avevo guardato questa donna con attenzione per lungo tempo. Mi resi conto che non era più giovane. C’erano rughe sul suo viso, i suoi capelli erano brizzolati. Il nostro matrimonio l’aveva segnata, e per un minuto, mi domandai che cosa le avevo fatto.

    Il quarto giorno, quando l’alzai, provai un senso di intimità. Questa era la donna che aveva dato dieci anni della sua vita per me. Il quinto e sesto giorno, mi resi conto che il nostro senso di intimità cresceva. Non lo dissi a Jane. Divenne più facile portarla. Forse l’allenamento di tutti i giorni mi aveva reso più forte.

    Una mattina stava scegliendo cosa indossare. Provò alcuni abiti ma non riusciva a trovare un vestito adatto. Poi sospirò, “Tutti i miei vestiti sono diventati troppo grandi.” Improvvisamente mi resi conto che era diventata così sottile e questo era il motivo per cui avevo potuto portarla più facilmente.

    Improvvisamente mi colpì. Aveva seppellito tanto dolore e amarezza nel suo cuore. Inconsciamente allungai la mano e le toccai la testa. Nostro figlio arrivò in quel momento e disse: “Papà, è il momento di portare la mamma fuori.” Vedere suo padre portare la madre fuori era diventata una parte essenziale della sua vita. Mia moglie gli indicò di avvicinarsi e lo abbracciò forte. Girai la faccia dall’altra parte, perché avevo paura che avrei potuto cambiare idea in quest’ultimo minuto. Poi la tenni tra le braccia, camminando dalla camera da letto, attraverso il soggiorno, e per il corridoio. La sua mano mi circondò il collo dolcemente e naturalmente. Tenni il suo corpo con forza, proprio come il giorno del nostro matrimonio.

    Ma il suo peso molto più leggero mi rese triste. L’ultimo giorno, quando la tenni tra le braccia non riuscivo a muovere un passo. Nostro figlio era andato a scuola. La tenni stretta e le dissi: “Io non avevo notato che la nostra vita mancava d’intimità.”

    Guidai verso l’ufficio, uscii dalla macchina rapidamente senza bloccare la porta. Avevo paura che un ritardo avrebbe potuto farmi cambiare idea. Ho camminato e Jane ha aperto la porta. “Mi dispiace, Jane, non voglio più il divorzio.”

    Mi guardò, stupita, e poi mi toccò la fronte. “Hai la febbre?” rispose lei.

    Spostai la sua mano dalla mia testa. “Mi dispiace, Jane,” dissi. “Io non voglio il divorzio. Il matrimonio era noioso probabilmente perché lei e io non apprezzavamo i dettagli della nostra vita, non perché non ci amassimo più. Ora mi rendo conto che da quando l’ho portata nella mia casa il giorno del nostro matrimonio, la terrò finché morte non ci separi “.

    Jane sembrò svegliarsi improvvisamente. Mi diede uno schiaffo forte e poi sbatté la porta e scoppiò in lacrime. Camminai al piano di sotto e mi allontanai. Al negozio di fiori sulla strada, ordinai un mazzo di fiori per mia moglie. La commessa mi chiese cosa scrivere sulla scheda. Sorrisi e dissi, “Io ti porterò fuori ogni mattina finché morte non ci separi”.

    Quella sera arrivai a casa, i fiori in mano, un sorriso sul mio volto. Corsi su per le scale solo per trovare mia moglie nel letto – morta. Mia moglie aveva combattuto contro il cancro da mesi, ma ero troppo occupato con Jane per accorgermene. Sapeva che sarebbe morta presto e voleva salvarmi da qualsiasi reazione negativa di nostro figlio, nel caso in cui avessi optato per il divorzio. Almeno, agli occhi di nostro figlio, sono un marito amorevole.

    I piccoli dettagli della vostra vita sono ciò che importa in una relazione. Non è il palazzo, l’auto, la proprietà, i soldi in banca. Questi creano un ambiente favorevole per la felicità, ma non possono dare la felicità in se stessi. Quindi, trovate il tempo per essere amici della vostra compagna e fate quelle piccole cose per l’altro che costruiscono l’intimità. Avrete un vero matrimonio felice!

    GUARDA LA LETTERA DI UNA PROSTITUTA ALLA MOGLIE DI UN SUO POTENZIALE CLIENTE