La paura dell’intimità

da , il

    La passione talvolta incontra diversi ostacoli e uno di questi si chiama: timore dell’intimità. Da un lato c’è il desiderio di lasciarsi travolgere da un incontro, dal nostro partner, dall’altra la sensazione che il nostro fisico non sia all’altezza, che il nostro compagno voglia di più. Dobbiamo tentare di superare questo schema e goderci il momento senza inibizioni.

    La regola d’oro, in caso d’incontri occasionali, è rifiutare se non ci sentiamo a nostro agio. La libertà di dire no deve essere espressa tutelando la nostra sicurezza estetica e i rapporti sicuri. Seconda cosa se l’immagine è davvero così importante cerchiamo di curarla un po’ di più, questo dovrebbe aumentare la nostra stima.

    Approfittiamo dell’autunno per fare progetti. Se siamo in coppia potremmo avere passato una buona estate e sentire che nella routine tutti i giorni invece c’è un po’ più di fatica. La cosa migliore è dedicare un tempo particolare, solo per la coppia, costruire piccole magie di relax e amicizia.

    Se siamo sole ci vuole la rete di affetti consolidati da sfruttare per conoscere gente. Mi raccomando se avete questo timore dell’intimità, giocate in casa, ciò in posti in cui vi sentite a proprio agio. Nel vostro ambiente dovreste superare le insicurezze.

    Se cominciamo ad uscire con una persona che desideriamo fisicamente, dobbiamo, fin dall’inizio, dare l’idea che vorremmo avere intimità, ritrovarci da soli, avere contatti corporei. Cerchiamo di non essere mai troppo neutre, perché potremmo rischiare di essere fraintese e di non riuscire poi a costruire un rapporto uomo donna.

    Foto tratte

    123rf.com postami.it