Le scappatelle sono solo un anti-stress?

da , il

    Clinton e Monica

    AP/LaPresse

    Abbiamo affrontato spesso il tema della scappatella. Abbiamo anche evidenziato le differenze con il tradimento, sempre che qualcuno le riesca a trovare. Oggi ci soffermiamo sulle recenti dichiarazioni di Tony Blair, che onestamente mi hanno molto colpita. Secondo l’ex premier inglese, le scappatelle amorose dei politici sono una via di fuga per sottrarsi all’autocontrollo imposto dal ruolo istituzionale, una sorta di ‘effetto collaterale’. Come a dire, si è talmente presi da se stessi che questo è un modo di gratificarsi e poi se a casa c’è una moglie poco male, fa parte del gioco. Se il vostro partner si scusasse in questo modo, cosa direste?

    Alberto Caputo, membro del consiglio direttivo dell’Aispa (Associazione italiana di sessuologia e psicologia applicata) e fra gli autori del libro-guida ‘Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell’infedeltà’, una sorta di bibbia del settore, ha cercato di analizzare il testo con le memorie di Blair per capire meglio cosa volesse dire.

    L’ex premier britannico sostiene che le avventure extraconiugali di molti big della politica, sono un modo per evadere dalla “prigione del self control”. Dunque, una reazione a certe ‘ingessature’ di palazzo.

    Chissà se il povero Bill Clinton, crocifisso più per le sue bugie che per l’atto, si è giustificato in questo modo con moglie e figlia, dopo che la “signora” Monica Lewinsky, sua stagista, ha rivelato al mondo il loro rapporto? Il sessuologo ha una spiegazione diversa. “Le scappatelle di cui parla Blair riflettono un meccanismo ben più profondo e spesso negato da chi lo vive: l’onnipotenza narcisistica tipica dei politici di grande spicco”.

    Per essere un pochino più semplici, vanità e ‘sindrome di onnipotenza seduttiva‘ possono trascinare i potenti in situazioni scomode. E resistere quando si è così potenti e soprattutto si hanno così tante offerte non è facile, anche per una persona con una forte personalità. Ricordiamoci sempre nel caso di Clinton, che Monica aveva anche conservato i vestiti come prova. A dimostrazione che le donne a volte fanno di tutto pur di trovarsi in certe “scomode” posizioni.

    Ma basta questa scusa per farsi perdonare da una moglie? Se pensiamo a politici famosi con amanti, ce ne sono tanti. Un esempio è il nostro premier, che sta divorziando da Veronica Lario, perché non certo un esempio di fedeltà, ha avuto i suoi problemi Blair, per non parlare dei Kennedy.

    Le donne però sono sempre le stesse. E cosa succede nel privato della casa spesso non è dato saperlo. Certo, Hilary ha tolto tutto e ottenuto tutto. Insomma, il divorzio sarebbe stato un duro colpo alla sua immagine, così invece si è vendicata con classe. Avete uomini di potere? Come gestite le loro scappatelle?