Lettere d’amore, il simbolo del romanticismo

da , il

    Le lettere d’amore di oggi sono gli sms o le mail. Certo non è la stessa cosa, anche se è rimasta la voglia di scrivere i propri sentimenti, quello che fa la differenza è l’attesa. Tutto è veloce, istantaneo e anche meno romantico.

    C’è da ammettere che l’amore è trepidante, non vuole attendere e non sente motivo per cui domani non sia già oggi, ora. Superato lo scoglio dei mezzi di comunicazione le compagnie telefoniche fanno soldi con i fiumi di sms che gli innamorati (non più quelli giovani).

    Quando sentiamo ronzare il telefonino, per esempio, avvertiamo lo stesso batticuore di quando vedevamo una lettera nella buca, immaginandoci che sia lui/lei ad averci scritto. Tutto questo è molto eccitante perché vuol dire che qualcuno ci sta pensando.

    Daily Telegraph ha raccontato la storia di due giovani Matteo, Flemming e Sarah Weidle, che hanno dovuto lasciare il cellulare e riprendere in mano la penna. Matteo è partito per il militare ed ha dovuto scrivere lettere su carta per comunicare con la sua Sarah. La ragazza, che ha raccontato la vicenda al giornale, ha dichiarato che anche se “all’inizio è stato un po’ difficile, poi abbiamo iniziato a inviarci lettere l’un l’altro ed stato proprio speciale! E’ stato davvero emozionante andare a guardare nella cassetta della posta: è sicuramente diverso. Si ha più tempo per pensare cosa scrivere e viene maggiormente fuori quello che si pensa e si è veramente”.

    Per la serie anche una lettera può fare notizia e soprattutto può salvare un amore.