Poliamore, cos’è e come vivere bene una relazione poliamorosa

Scopriamo cos'è il poliamore, come vivere bene una relazione poliamorosa e come farla funzionare nel tempo. Cerchiamo di capire di cosa si tratta nello specifico, quali sono le dinamiche di questa forma d'amore alternativa rispetto alla classica monogamia e se è davvero possibile portare avanti una relazione simile nella fiducia e nel rispetto di tutte le persone coinvolte.

da , il

    Poliamore, cos’è e come vivere bene una relazione poliamorosa

    Cos’è il poliamore e come vivere bene una relazione poliamorosa? Amare più persone in contemporanea è impossibile? La coppia aperta funziona? Stando alle esperienze di chi è impegnato in relazioni simili non solo è possibile ma anche molto appagante. Una relazione aperta consente infatti di sentirsi più liberi e di sorpassare l’idea del tradimento tradizionale, sempre vissuto in modo tragico. Scopriamo com’è la coppia nel poliamore e qualche curiosità su questo modo di amare insolito.

    Il poliamore per la psicologia

    Il termine poliamore è un neologismo che si riferisce alla possibilità di avere più relazioni intime, sia sentimentali che sessuali, nello stesso momento, con il consenso di tutti i partner coinvolti. Si tratta di un’alternativa alla monogamia, filosofia di vita imperante nella nostra società.

    Esistono vari tipi di relazioni poliamorose:

    • la polifedeltà, che coinvolge solo un certo gruppo di persone nella relazione
    • le relazioni secondarie che comprendono relazioni primarie e di tipo secondario, come per esempio un matrimonio aperto e una coppia aperta
    • la poligamia in cui una persona sposa più partner
    • la relazione di gruppo che vede tutti i partner allo stesso livello
    • le relazioni basate sulla cosiddetta amicizia senza frontiere
    • le relazioni con uno dei partner monogamo che accetta le relazioni dell’altro

    Premesso che ogni forma di poliamore è un caso a sè, nell’accezione comune del termine che si riferisce alla relazione aperta da ambo le parti, secondo la psicologia sussiste un’idea della coppia che non include tutte le necessità individuali.

    Ovvero chi pratica il poliamore sente che la coppia tradizionale non è sufficiente a soddisfare completamente l’individuo, il quale sente di dover seguire la propria spinta interiore a dispetto delle convenzioni sociali.

    Il poliamore può funzionare? A detta della psicologia sì, purché si basi sul rispetto e sull’accettazione da parte di tutti i partner coinvolti di questo tipo di relazione aperta.

    Film sul poliamore

    Più diffuso in letteratura, oggigiorno il poliamore inizia a fare la sua comparsa anche sul grande e piccolo schermo. Tra i film sul poliamore ricordiamo “Le belve” di Oliver Stone, in chiave ironica viene proposto in “Yes, we’re open” di Richard Wong, e ancora in “3″ di Tom Tykwer, in cui il numero si riferisce ai 3 partner della relazione poliamorosa protagonista.

    Woody Allen ne parla in “Basta che funzioni” del 2009 mentre in Spagna ironia e passionalità si mischiano nello scoppiettante “Dieta Mediterranea” di Joaquín Oristrell.

    Anche il famoso “Vicky Christina Barcelona” di Woody Allen vede nascere una storia d’amore a 3 dai fragili equilibri.

    Dolcetto o scherzetto?