Primo bacio a San Valentino? I consigli per non sbagliare

da , il

    cuori san valentino 2012

    Che emozione dare il primo bacio a San Valentino. Certo, l’ansia dell’attesa potrebbe far battere forte il cuore e mandare all’aria i piani romantici. Sull’edizione inglese della rivista Wired, Sheryl Kirshenbaum, ricercatrice dell’università del Texas e autrice del famosissimo libro ‘Science of Kiss’, spiega quali siano le regole da seguire: prima cosa è giustissimo attendere il momento adatto. Per rendere il bacio indimenticabile va benissimo mettersi un filo di rossetto, mentre è meglio evitare gli alcolici e anche le pressioni sul partner.

    Aspettare il momento giusto è ideale: non si può buttare via il primo bacio. È un ricordo che resterà per la vita ed è bene cercare la perfezione. Inoltre l’esperta ha commentato: “Creare un legame prima dell’incontro delle labbra aumenta i livelli di ossitocina, l’ormone dell’amore. E questo incoraggia il senso di attaccamento reciproco“.

    La cosa che va evitata prima di tutto è l’alcol che interferisce con dopamina, serotonina e -come già detto – ossitocina. Si sa che bere un pochino scioglie le inibizioni, ma attenzione a non alzare troppo il gomito se non volete creare l’effetto opposto. Poi, truccatevi pure un pochino: le labbra rosse seducono moltissimo.

    Non voglio mettervi poi ansia, ma dal bacio si capiscono tante cose. È una sorta di cartina al tornasole e in base a questo scambio di solito i partner intuiscono se continuare la relazione o interromperla perché incompatibili. Se il vostro primo bacio vi è sembrato perfetto (ma veramente perfetto) non fatevi scappare l‘occasione e continuate la storia.

    Qual è il bacio perfetto?

    Il bacio perfetto esiste o no? Di sicuro sappiamo che il bacio è il fattore più importante per il 90% circa delle persone single che si trovano davanti ad una possibile nuova storia d’amore. Per instaurare un rapporto di complicità con il partner è infatti necessario che piaccia anche il suo bacio. Secondo un sondaggio del sito Parship, a cui hanno partecipato 1397 single italiani (55% uomini, 45% donne), il 28% delle donne si è detto pronto a lasciare un partner perché bacia male, mentre per gli uomini questo gesto d’amore pare essere meno importante: soltanto il 13% degli intervistati lascerebbe una donna per un bacio dato male.

    E se il vostro partner bacia male? Che fare? Non disperate, con calma e pazienza potete insegnare a baciare proprio come piace a voi, beninteso però…ne deve valere la pena! Attenzione però perchè un bacio dato male non è l’unica cosa che possa rovinare questo romantico momento di intimità, ci sono alcune cose da evitare nella maniera più assoluta quando ci si trova a baciare per la prima volta la persona che ci piace tanto. Ad esempio evitate di poggiare la vostra lingua sul viso o sui denti, cercate di non guardare fisso negli occhi il partner per non metterlo in imbarazzo e calibrate bene l’apertura della bocca: troppo spalancata o molto chiusa fanno del bacio un’esperienza (a detta dei più) sgradevole.

    A cosa bisogna prestare attenzione, allora, per baciare bene? Oltre a quello detto finora ricordate che un bacio perfetto deve essere profondo, sensuale, intenso, tenero, non troppo veloce né troppo lento, accompagnato da carezze e, cosa ovvia ma non scontata, sincero.