Quando la suocera fa male al rapporto di coppia

da , il

    Tra moglie e marito non mettere il dito. Spesso però le suocere sono un po’ troppo invadenti, hanno la ricettina per accudire il loro bambino e le mogli o le fidanzate diventano molto insofferenti, manifestando anche disturbi fisici come ansia o nel peggiore dei casi attacchi di panico. Le signore che patiscono di più questa ingombrante presenza sono quelle del Sud, spesso a causa anche della difficile convivenza. Al Nord, grazie a una maggior indipendenza economica, la compresenza è meno forzata e si riesce ad avere rapporti molto più distesi. Vediamo meglio cosa accade quando c’è di mezzo la suocera.

    “La percentuale di pazienti con problemi psicosomatici è risultata notevole con una particolare frequenza di dolori acuti ai reni, all’uretere, alla vescica, allo stomaco: si parla di poco meno del 50%, di cui circa un 15% di casi di ipocondria e un 35% di attacchi di panico”, racconta Enza Cipolletta, psicologa e psicoterapeuta.

    Questo malessere è stato chiamo “disturbo da suocera”, colpisce soprattutto la donna ed è stato verificato che un buon numero di attacchi di panico è arrivato proprio a persone che avevano in casa la suocera. La “malattia” ha un peso sociale, perché non è facile diagnosi e si spende molto in esami e analisi, per escludere anche patologie molto gravi.

    Di base ci sono due cose da fare: prima di tutto cercare una certa autonomia, quindi avere una casa indipendente dove non dover sottostare alle “leggi” di un’altra donna e poi fare in modo che il proprio marito o partner impari a essere dipendente, perché la dipendenza madre/figlio può minare la stabilità della nuova famiglia.