Rapporti: preservativi addio, arrivano gli ultrasuoni

da , il

    Il preservativo è un ostacolo per molte coppie che a volte hanno davvero difficoltà a portare a termine il loro piacere con successo. Per tutti coloro che vivono il profilattico come un incubo c’è una bella notizia. Il futuro è rappresentato dagli ultrasuoni. Quest’ipotesi, per ora è solo tale, è sul banco di analisi di un gruppo di scienziati dell’ University of North Carolina. Ovviamente l’utilizzo degli ultrasuoni proteggerà soprattutto da gravidanze indesiderate perché procura un blocco temporaneo degli spermatozoi. Con temporaneo si parla di circa sei mesi. Sono tutte informazioni ancora allo studio. Ma vediamo meglio di cosa si tratta.

    Questo nuovo progetto, che non è soltanto un’idea, ma ci sono esperti ricercatori che stanno analizzando ogni possibilità, dovrebbe portare a un controllo delle nascite a livello mondiale. Nei paesi occidentali sappiamo che non sono così tanti i bimbi che arrivano in modo indesiderato, mentre ci sono zone del mondo dove nascono più bambini di quanti possano essere mantenuti e cresciuti con la giusta istruzione e la tutela della salute.

    L’obiettivo, secondo i ricercatori, è quello di utilizzare gli ultrasuoni terapeutici che sono ora disponibili solo in medicina dello sport o nelle cliniche di fisioterapia, convertendoli in un sicuro contraccettivo anche nei paesi in via di sviluppo.

    Gli ultrasuoni dovrebbero bloccare i testicoli, inibendo la produzione di nuovi spermatozoi. Una volta che le ultime riserve di sperma sono state consumate, l’uomo diventa temporaneamente sterile. Non so che dire, forse è meglio continuare ad usare il preservativo?

    Foto tratte da

    irislove.it

    libero.it

    haisentito.it