Sei stato tradito? Chiedi i danni

da , il

    tradimento danni economici

    Il tradimento è davvero doloroso e non c’è nulla che possa levare l’amarezza di un’infedeltà. Oltre al senso di fallimento e alla delusione, subentra la pena per aver macchiato anche il ricordo di una storia d’amore bella e romantica. L’unica cosa in questo caso utile è un buon rimborso economico che sicuramente non toglie il dolore, ma fa stare meglio. Teniamo conto che la maggior parte delle coppie, dopo un problema simile ricorre alle vie legali per la separazione. Un divorzio costa moltissimo, sia in avvocati sia per riavviare in solitudine la propria vita. Non avere anche il fardello economico potrebbe essere d’aiuto.

    A dare questa notizia è la corte di Cassazione, che con una sentenza dà la possibilità al coniuge di poter chiedere e ottenere il risarcimento dei danni per le corna subite. C’è di più, perché questo rimborso si può ottenere anche se la separazione è avvenuta in maniera consensuale e senza addebito (oggi non si usa più).

    Attenzione, però, perché non tutti i tradimenti sono uguali, di conseguenza il risarcimento può esserci solo se il richiedente ha subito una “lesione di un diritto costituzionalmente garantito”. Per capirci, il coniuge tradito deve aver avuto dei problemi di salute, per esempio, o aver perso il lavoro. Immaginate che sia sorta una depressione o che i partner siano colleghi: difficile continuare a lavorare insieme.

    La Cassazione, nell’ultima sentenza, ha specificato che per ottenere i danni da tradimento non basta la “sola sofferenza psichica causata dall’infedeltà e dalla percezione dell’offesa che ne deriva – obiettivamente insita nella violazione dell’obbligo di fedeltà – di per sé non risarcibile costituendo pregiudizio derivante da violazione di legge ordinaria, ma deve concretizzarsi nella compromissione di un interesse costituzionalmente garantito”. Non è molto e sicuramente molti traditori se la stanno ridendo sotto i baffi, ma un buon avvocato può fare miracoli.