Tinder: cos’è e come funziona l’app di incontri online

Scopriamo cos'è la famosa app di incontri online Tinder e come funziona. Il dating virtuale è ormai molto diffuso e una delle prime applicazioni che lo ha promosso è stata proprio Tinder, oggi disponibile anche su pc. Ma di fatto cos'è questa app, quando è nata e quali sono le funzioni principali? E' gratuita o a pagamento? Abbiamo cercato di rispondere a queste ed altre domande.

da , il

    Tinder: cos’è e come funziona l’app di incontri online

    Cos’è Tinder e come funziona l’app di incontri online? Alzi la mano chi non conosce Tinder, l’app di incontri più famosa al mondo. Ad oggi è attiva in ben 140 paesi e ha oltre 100 milioni di utenti. I partner vengono selezionati in base alla distanza e questa particolarità ha sicuramente contribuito al suo successo visto che normalmente, i siti che aiutano a incontrare l’anima gemella, non tengono conto di questo parametro. Scopriamo cos’è e come usare Tinder.

    Cos’è Tinder

    L’applicazione Tinder nasce nel 2012 e da allora ne ha fatta di strada! Ad oggi è la più scaricata e utilizzata nell’ambito del dating virtuale. Il suo scopo? Facilitare la conoscenza fra persone che vivono nelle vicinanze favorendo l’incontro con l’anima gemella.

    Fondata da Sean Rad, Jonathan Badeen, Justin Mateen, Joe Munoz, Dinesh Moorjani, Chris Gylczynski, e Whitney Wolfe, ha riscosso da subito un grande successo di pubblico in tutto il mondo. Anche Tinder Italia vede il numero degli utenti in costante crescita.

    Rispetto ad altre app dedicate, Tinder oltre a utilizzare la geolocalizzazione, permette di chattare solo con chi ricambia l’interesse, in modo tale da favorire gli incontri con chi ci piace davvero e a sua volta ci apprezza. A tal proposito Rad, uno dei fondatori, ha affermato: “non importa chi sei, ci si sente più a proprio agio quando ci si avvicina a qualcuno se sai che loro vogliono che sia tu ad approcciare loro.”

    Un altro primato forse meno noto riguarda la possibilità di “strisciare” tra le foto degli utenti per scegliere quelli preferiti: Tinder è stata infatti una delle prime “swiping apps”. Gli swipe (strisciate) rappresentano l’apprezzamento (o meno) nei confronti degli alti utenti. Strisciando a destra, si conferma l’interesse per la persona mostrata; viceversa facendo swipe a sinistra, si nega la possibilità di approfondire la conoscenza con l’utente in questione.

    L’algoritmo utilizzato da Tinder si chiama Elo ed si basa su calcoli matematici che selezionano eventuali partner in base alla distanza, agli interessi in comune e ai mi piace ricevuti dalle altre persone, mettendo in comunicazione gli utenti più simili tra loro.

    Dal 2017 è disponibile anche Tinder su pc, che funziona in modo leggermente diverso rispetto alla versione mobile. Innanzitutto bisogna collegarsi al sito tinder.com, eseguire il login tramite Facebook, quindi iniziare la ricerca dell’anima gemella aiutati dall’algoritmo.

    Si possono consultare le sue informazioni e le fotografie simultaneamente all’interazione tramite Tinder chat, particolarmente ottimizzata in questa versione da pc.

    Tinder: come funziona

    tinder come fare swipe

    L’app di Tinder può essere scaricata gratuitamente dagli store Google Play per Android e iTunes per iPhone/iPad. Una volta eseguito il download, si accede tramite account Facebook, è infatti obbligatorio avere un profilo personale sul social network per potersi collegare a Tinder.

    L’app tuttavia non pubblica i dati presenti su Facebook se non viene dato il permesso, in modo da evitare che eventuali amici sappiano che la si sta utilizzando. Una volta eseguito l’accesso Tinder ricava i principali dati personali dal profilo Facebook e inizia a cercare utenti nei dintorni mostrando i profili di persone interessanti, di sesso maschile, femminile o di entrambi.

    Come dicevamo il profilo viene creato con informazioni e foto estratte da Facebook ma è possibile modificarlo cliccando su “Menu”, toccando poi la foto profilo e premendo la matita in alto a destra. Si possono rimpiazzare le foto, la descrizione e visualizzare anche gli amici di Facebook che utilizzano Tinder, ma gli utenti dell’applicazione vedranno solo le informazioni che si è deciso di condividere su di essa.

    Cliccando sul simbolo “X” nell’angolo in basso a destra si possono rimuovere le foto desiderate e cliccando “+” si possono aggiungere. Le descrizioni hanno una lunghezza massima di 500 caratteri. Una volta modificato il profilo, si clicca su “Fatto” in alto a destra.

    Nelle Impostazioni è possibile scegliere il sesso delle persone che si vogliono vedere, i chilometri massimi di distanza (che è normalmente impostata a 80 Km) e il range d’età di interesse.

    Come rimorchiare su Tinder

    Ma di fatto come fare conquiste su Tinder? Basta guardare le foto di ragazzi e/o ragazze e contrassegnarle con un cuoricino verde o con uno swipe a destra per quelli che si reputano interessanti, ed eliminare le persone che non piacciono con la croce rossa o con lo swipe a sinistra. I profili cestinati non possono più essere visti.

    I potenziali candidati vengono mostrati come un mazzo di carte o figurine e a ciascuna di esse corrisponde la prima foto del profilo personale, il nome, l’età, il numero di amici e i “mi piace” in comune.

    Cliccando sulla “i” al centro o premendo sulla foto centrale di un profilo, è possibile scoprire informazioni riguardanti quella persone e vederne altre foto. E’ anche possibile verificare quando la persona ha usato Tinder l’ultima volta. C’è anche la possibilità di esprimere una volta al giorno un super mi piace, che aumenta le probabilità di ricevere apprezzamenti dall’altra persona.

    Su Tinder si può comunicare solo se c’è reciproco apprezzamento, quindi solo se una persona a cui abbiamo lasciato un cuore lo ha ricambiato. In questo caso si può, toccando l’icona dei messaggi in alto, iniziare una chat su Tinder, senza dover uscire dall’app. Gli abbinamenti vengono segnalati con una notifica sul telefono, a meno che non si desideri disabilitare questa funzione dalle Impostazioni.

    Grazie alla recente funzione “Momenti”, inoltre, si possono inviare foto ai contatti con un “Like” reciproco. Le foto vanno scattate con l’applicazione e vengono ricevute con una notifica; saranno visibili, però, solo per un massimo di 24 ore. L’utente a cui sono state inviate può decidere se visualizzarle o giudicarle. In caso di foto sconvenienti, è possibile segnalarle a Tinder, nascondere o bloccare l’utente.

    Tinder, abbonamenti a pagamento

    Oltre all’applicazione gratuita, esistono anche due versioni a pagamento di Tinder, con funzionalità aggiuntive e un costo abbastanza contenuto.

    Tinder Plus

    Mentre la versione gratuita ha le funzionalità di base che abbiamo appena descritto, Tinder Plus ha un costo di 19,90 euro al mese; gli utenti più giovani di 28 anni, però, pagano solo 9,9 euro. Una scelta a quanto pare non casuale, Tinder infatti vuole conquistare soprattutto un pubblico giovane.

    La versione Plus è provvista della funzione “Undo”, che consente di visualizzare una seconda volta un profilo rifiutato nel caso in cui si cambiasse idea, e la funzione “Passport”, che permette di chattare e selezionare profili di utenti senza essere condizionati dalla posizione di partenza.

    Tinder Gold

    Da poco è stata lanciata anche Tinder Gold, sempre a pagamento, che consente agli utenti di sapere chi ha espresso gradimento nei loro confronti, bypassando di fatto il duro lavoro di swipe. In questo modo si sa immediatamente quali sono gli utenti interessati e tutto si velocizza.

    Tinder Gold elimina la pubblicità, mette a disposizione like infiniti, 5 super like al giorno, un boost al mese e ulteriori personalizzazioni; è inoltre disponibile solo per chi ha già acquistato il pacchetto Plus per un costo ulteriore di 5 euro al mese.

    Applicazioni simili a Tinder

    Tinder non è l’unica app di dating online, esistono molte altre applicazioni simili e chat per single che stanno riscuotendo successo.

    Partiamo da Meetic che ha lanciato la propria applicazione mobile ottenendo da subito grandi riscontri. Meetic si distingue da app simili per il tipo di relazioni che gli utenti solitamente cercano: qui, infatti, si cercano anime gemelle per la vita anziché incontri di una notte. E’ l’ideale per chi desidera incontrare la vera anima gemella o comunque persone interessate a storie (potenzialmente) durature.

    Happn è un’app molto carina per gli incontri online che permette di manifestare interesse per persone nelle vicinanze, contattabili tramite un cosiddetto “Charm”. Quando la persona ricambia, si può iniziare da subito una chat. E’ l’app ideale per chi non ha coraggio di farsi avanti dal vivo e cerca un escamotage. In Italia al momento gli utenti che la utilizzano sono circa 80mila.

    Famosissima Badoo, ex chat e social network che si è poi data solo al dating. Utilizzabile sia su pc che sul telefono, non comunica la posizione agli altri utenti, ma permette di contattarli con facilità.

    Sempre più amata è anche Lovoo con oltre 26 milioni di utenti, semplice e immediata. Ci si iscrive alla rete permettendo all’app di accedere ai propri dati, foto incluse, e si inizia a chattare con utenti della propria zona. In questo caso non è indispensabile un collegamento al proprio profilo Facebook, come nel caso di Tinder.

    Se preferite inoltrarvi nell’ignoto niente di meglio che Skout, impostata in modo diametralmente diverso rispetto alle altre app. Qui è il caso a farla da padrona, difatti la sua funzione più famosa è chiamata “scuoti e chatta”. I potenziali partner non vengono selezionati sulla base di interessi in comune ma casualmente scuotendo lo smartphone.

    Interessante per chi ama un amico ma non osa confessarglielo l’app Down, che funziona tramite Facebook garantendo l’anonimato. Finché l’amica/o non ricambia il gradimento non saprà mai chi è stato a inviarglielo.

    In ambito omosessuale e bisex l’app di grido è Grindr con oltre 4 milioni di utenti nel mondo. Nella schermata principale è possibile vedere una griglia di foto e scegliere quelle di proprio interesse, avviando immediatamente una chat.