Tornare in ufficio dopo le feste? Meglio la famiglia

da , il

    La carriera può aspettare

    Tornare in ufficio dopo le vacanze? Una vera tortura. Un periodo di riposo, tra amici e parenti, party in discoteche e sciate su piste innevate. Una meraviglia e solo l’idea di tornare al lavoro mette una tristezza incredibile. A Natale le coppie litigano di più (giusto perché è la festa dei buoni sentimenti e della famiglia), eppure quando si parla di ripristinare la normalità almeno sette italiani su dieci sono assolutamente infelici. Lo rivela un sondaggio condotto da dall’Eurodap a fine estate. Voi che ne dite? Io sono assolutamente d’accordo. In più trovo ancora più faticoso riprendere il ritmo dopo una lunga pausa.

    Allora il 71% degli italiani confessava di essere infelice all’idea di tornare a lavorare, e questo fenomeno si ripete a maggior ragione dopo le feste di fine anno. Spesso il periodo natalizio viene caricato di aspettative, per i regali, un bel viaggio, ma anche la riscoperta di calore familiare o dell’armonia di coppia. E chi supera una crisi.

    In più gennaio è il mese dei progetti. Si pianifica un pochino la vita durante l’anno e questo aggiunge l’ansia. Così si torna in ufficio poco convinti, costretti magari a fare i conti con l’impatto sul bilancio familiare di spese recenti e non. Purtroppo si supera questa fase velocemente e tutto torna come prima.