Tradimento: 1 italiano su 4 ha l’amante

da , il

    Sarà che l’estate rende più allegri o che sta un po’ nella nostra cultura, ma noi italiani siamo proprio dei partner inaffidabili. Lo dimostra il sondaggio di Zero9 sul sito Internet della community di dating Kicé. Il 52% degli intervistati (su un totale di 1650 persone) ha dichiarato di aver tradito almeno una volta il proprio compagno, mentre il 25% ha un amante.

    Sono un po’ bacchettona, ma questi dati mi deprimono perché vuol dire che una donna su quattro ha un marito o un fidanzato infedele (ovviamente vale anche per gli uomini). 1650 persone non possono rappresentare l’Italia, però fanno riflettere. E se ho sempre creduto che la stagione estiva favorisse l’amore, anche qui mi sono dovuta ricredere: non c’è una stagione ideale.

    Quali sono le motivazioni per il tradimento? Per il 16% si tratta di stress da lavoro, per il 36% è un momento di debolezza (questa scusa mi sembra più plausibile), per il 25% perché è finito l’amore. Allora se l’amore è finito perché non lasciare direttamente? E’ meglio stare insieme con un muro di bugie piuttosto che accettare la solitudine? Sì, per il 60% dei traditori che poi decide di non rilevarlo.

    Sta di fatto che chi decide di essere infedele dovrebbe evitare di tornare a casa e alleggerirsi la coscienza: il 26% è convinto di non saper tenere il segreto. La cosa più divertente sta nella scelta dell’amante: nel 42% è un amico di famiglia o una conoscente.