Tradimento, i cinquantenni sono i più infedeli

da , il

    cinquantenni tradimento

    Sono in aumento i tradimenti tra i cinquantenni. L’età dà alla testa. Potrebbe anche essere così, magari la spiegazione è un’altra: superata una certa soglia di vita si desidera non lasciarsi scappare neanche un’occasione. Secondo però una ricerca su 3 mila persone commissionata dalla The Co-operative Pharmacy e riportata sul quotidiano britannico ‘Daily Telegraph’ certi atteggiamenti si possono definire promiscui e imprudenti. Vediamo meglio che cosa ha pubblicato il giornale e se anche secondo noi è bene bacchettare i cinquantenni.

    Dai risultati è emerso che un quarto degli over 50 tradisce il partner e che un sesto non usa contraccettivi quando ha un nuovo rapporto. Quello dei 50enni è il gruppo d’età meno prudente dal punto di vista delle relazioni. Una spiegazione può essere l’educazione: quella “intima” ovviamente non manca, ma gli anni settanta e l’amore libero devono aver lasciato il segno.

    Poi si pensa – erroneamente – che il preservativo sia cosa da ragazzini. Una persona su tre con un’età compresa tra i 51 e i 55 anni ha ammesso di aver ‘dormito fuori’ e di avere avuto un rapporto di una notte senza protezione, mentre uno su quattro ha dichiarato di aver più relazioni contemporaneamente.

    I ragazzi sono più prudenti non solo di come erano i genitori un tempo, ma di come lo sono oggi da adulti. Un quinto degli adolescenti over 16 non ha ancora avuto il primo rapporto.