Tristezza in amore: 8 motivi per non temerla

Ecco ben 8 motivi per cui non vale la pena temere la tristezza in una relazione d'amore.

da , il

    Tristezza in amore, 8 motivi per non temerla e imparare ad assecondarla. Come ci ha insegnato la pellicola della Pixar, Inside Out, le emozioni “negative” non sono necessariamente tali. Molto spesso giungono a noi per una ragione ben precisa e basta prestare loro ascolto, senza giudizio, per trarne un insegnamento prezioso. Altrettanto vale in ambito sentimentale, non a caso si parla spesso di pene d’amore.

    Arriva per suggerirci qualcosa

    La tristezza non arriva mai a caso, persino quando non ne comprendiamo il motivo. A parlare, attraverso lei, è la nostra anima, che evidentemente vuole trasmetterci un messaggio. Impariamo a prestarle ascolto mettendo a tacere ogni genere di giudizio.

    Ci rende più forti

    La tristezza fa parte della vita e spesso è proprio l’amore a procurarcela. Accade nelle storie sbagliate ma anche nelle relazioni più durature. Anche se è dura affrontarla, ci rende più forti.

    Ci permette di ritagliarci spazi solo per noi

    Quando siamo tristi tendiamo a isolarci, a ritagliare dello spazio solo per noi stessi. A volte è proprio questo il messaggio della tristezza, invogliarci a prendere una pausa dalla relazione, sia essa di lunga o breve durata.

    Guarda le frasi tristi per un amore finito

    Riporta a galla le energie sopite

    Se impariamo a lasciarla esprimersi, senza soffocarla sul nascere come siamo abituati a fare, la tristezza ci aiuta a riportare a galla energie sopite, che possono rivelarsi utili anche per migliorare il rapporto di coppia.

    Ci aiuta a spezzare la routine

    La tristezza, come premesso, vuole trasmetterci un messaggio. A volte il suo scopo è farci ritrovare un po’ di brio, perché spesso è toccando il fondo che comprendiamo l’importanza di vivere con gioia.

    Guarda le poesie d’amore tristi

    Ci insegna a rispettare l’altro

    Quando la tristezza si mischia all’empatia dà il meglio di sé: impariamo a metterci nei panni del partner, a comprenderne dubbi e perplessità e non c’è terapia migliore per volergli bene senza pretese.

    Ci fa riflettere

    Presi come siamo da mille impegni e dalla routine quotidiana, spesso dimentichiamo di soffermare l’attenzione sulla coppia. Diamo per scontato la relazione ma la tristezza ci riporta alla realtà.

    E’ un modo per chiedere più attenzioni

    Ovviamente non deve diventare un alibi, ma in alcuni momenti la tristezza può celare il bisogno di attenzioni da parte del partner. Attenzioni che, magari, non abbiamo coraggio di chiedere apertamente.

    Dolcetto o scherzetto?