Calo del desiderio, le lacrime non fanno bene all’amore

Le lacrime possono uccidere il desiderio soprattutto in camera da letto, poco prima di fare l'amore. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori israeliani.

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 23 maggio 2011

Calo del desiderio, le lacrime non fanno bene all’amore

Il calo del desiderio è un problema molto comune, anche tra le giovani coppie. Tanti esperti incolpano lo stile di vita e lo stress, ma ci sono anche altri comportamenti che non accendono la passione. Un esempio? Presentarsi con una biancheria intima orribile o magari non essere in condizioni igieniche ideali. Ma ciò che dà più fastidio, soprattutto a lui, sono le lacrime. Spesso le donne le utilizzano come arma di ricatto, ma non pensiate che in camera da letto facciano bene al rapporto. Questo quanto sostiene uno studio del Weizmann Institute of Science di Rehovot.

Per giungere a questa tesi, gli esperti israeliani hanno chiesto a un gruppo di 24 uomini di tenere sotto il naso un tampone imbevuto di vere lacrime. Un altro team di volontari, invece, ha annusato del cotone bagnato con della semplice soluzione salina. Intanto, davanti a loro occhi passavano foto di belle ragazze.

Il risultato potete anche immaginarlo. Coloro che hanno annusato lacrime, hanno manifestato un’attrazione minore davanti alle aitanti signorine. Ma c’è di più. La misurazione del livello di testosterone dei volontari ha dimostrato che il tasso di ormone era inferiore.

La conferma è arrivata anche dalla risonanza magnetica, che evidenziato come l’attivazione della zona cerebrale, interessata dal fenomeno dell’eccitazione, è stata meno coinvolta nel primo gruppo e molto di più nel secondo. Insomma, tenete un fazzoletto sotto il cuscino e non mostrate mai le vostre lacrime in camera da letto, soprattutto prima di fare l’amore.