Canzoni belle: “Amore Mio” di Gigi D’Alessio

Oggi vi voglio proporre una delle più belle canzoni di Gigi d’Alessio: in questo periodo di festa forse ci si sente più romantici e si riscopre la voglia di ascoltare dedicare e farsi dedicare le più belle canzoni

Pubblicato da Francesca Bottini Venerdì 25 dicembre 2009

Canzoni belle: “Amore Mio” di Gigi D’Alessio

Oggi vi voglio proporre una delle più belle canzoni di Gigi d’Alessio: in questo periodo di festa forse ci si sente più romantici e si riscopre la voglia di ascoltare dedicare e farsi dedicare le più belle canzoni d’amore. Colgo l’occasione per augurarvi una splendida serata in questo giorno di Natale…ovviamente piena d’amore e da condividere con le persone più care.

Era settembre ed il sole ci ha visti baciare
con il fiatone correvi giocando con me
un sassolino nell’acqua faceva rumore
il desiderio di stare per sempre con te
col naso rosso dal freddo era quasi Natale
il nostro amore cresceva ogni giorno di più
era la luce degli occhi ad accendere i cuori
fino all’ecclissi solare che adesso c’è in te

Cosa c’è
Con lo sguardo abbassato non parli e non corri da me
hai bisogno di stare un po’ sola lontana perché
Cosa c’è
io lo so
tra un minuto mi lasci da solo non dire di no

Amore mio
senza un’addio mi stai lasciando
ma il tuo silenzio sebra dire hai fatto centro
come la neve sciolta al sole stai piangendo è inevitabile
Ma lui chi è
adesso me ne sti parlando
come hai potuto dargli un pezzo del mio mondo
vorrei sparire mentre ti accarezza il vento
sei cattivissima

Non peggiorarmi le cose guardando i minuti
lasciami il tempo di dire che penso di te
ridammi indietro quei lunghi momenti d’amore
tutte le notti passate a parlare con te
Cosa c’è
Non tenermi nascoste le cose fammelle sapè
è venuta la fine del mondo soltanto per me
Cosa c’è
non lo so
forse è solo un bruttissimo sogno
mi sveglio tra un po’

Amore mio
senza un’addio mi stai lasciando
ma il tuo silenzio sebra dire hai fatto centro
come la neve sciolta al sole stai piangendo è inevitabile
Ma lui chi è
adesso me ne sti parlando
come hai potuto dargli un pezzo del mio mondo
vorrei sparire mentre ti accarezza il vento
sei cattivissima