Canzoni belle d’amore: “La mia ragazza” di Roberto Vecchioni

da , il

    E’ una canzone bellissima che ogni donna vorrebbe sentirsi dedicare: quello che colpisce di più sono le splendide parole usate dal cantautore per descrivere la sua donna, come oggi non si fa più. “La mia ragazza” di Roberto Vecchioni è una canzone sempre molto attuale anche se oramai ha qualche anno. Da dedicare al vostro amore per farle capire quanto è unica: spesso infatti le parole sono importantissime e, oltre ai gesti, ci aiutano ad esprimere i nostri sentimenti.

    La mia ragazza

    (Vecchioni-Romano-Vecchioni)

    La mia ragazza è alta

    e ha lunghi sguardi duri,

    si voltano a guardarla

    per i suoi occhi scuri,

    si mangiano le mani

    quelli che non ce l’hanno

    che l’hanno conosciuta

    e non la rivedranno.

    La mia ragazza ha un figlio

    e lunghe calze nere,

    si mette un dito in bocca

    prima di far l’amore,

    si muove come il mare

    fra l’Africa e la Spagna

    voi non ci crederete:

    la mia ragazza sogna.

    Amore mio che sogni,

    amore ballerino,

    che corri sopra il filo ed io cammino,

    legato al tuo sorriso

    cammino sopra il fuoco,

    prendi una carta che ti insegno un gioco.

    Amore come il vento,

    amore divertente

    che corri sui pensieri della gente

    qualcuno ti ha sorriso,

    qualcuno dice che

    la mia ragazza è la mia ragazza è…

    La mia ragazza è bella,

    bella che non ragiono

    bella che più ci parlo

    e più mi sembra un uomo,

    si mangiano le mani

    quelli che non ce l’hanno

    che l’hanno conosciuta

    ma non la rivedranno.

    Amore mio che sogni,

    amore ballerino,

    tu corri sopra il filo ed io cammino,

    capelli neri neri,

    capelli rosso fuoco

    gira la carta che cambiamo gioco.

    Gira la carta e sogna

    il vento e la fortuna,

    la mia ragazza vola sulla luna

    ma chi l’ha vista giura

    che rassomiglia a me,

    la mia ragazza è la mia ragazza è

    il mio mestiere…

    è il mio mestiere.