Come capire l’amore: consigli utili per riconoscerlo!

Per capire l'amore esistono tre tecniche. Chiedetevi se pensate sempre al partner, se non fate altro che parlare di lui e se vi manca? Se la risposta è sì, siete innamorati.

Pubblicato da Valentina Morosini Domenica 15 maggio 2011

Come capire l’amore: consigli utili per riconoscerlo!

Capire l’amore non è per nulla facile, soprattutto le prime volte. È una sensazione così nuova e al tempo stesso così intensa, da creare confusione. Come si può intuire se quella persona che ci sta facendo battere forte il cuore è quella giusta? Purtroppo non si può: non esiste un manuale che ci permetta di individuare il partner perfetto, però possiamo imparare a interpretare i nostri sentimenti. Spesso siamo noi i primi a non accettare le nostre pulsioni, magari solo per paura di essere fraintesi o per vergogna. Ora vi lascio tre consigli utili per riconoscere l’amore. Provate a usarli e poi fatemi sapere se vi sono realmente serviti.


Pensare sempre a lui/lei

Pensare sempre alla persona amata è un classico. Non lo si fa consapevolmente, ma ogni cosa ci rimanda sempre a lui o a lei. Per farvi degli esempi: questo sapore mi ricorda la pasta cucinata da tizio, quel colore ti sta bene, assomiglia alla maglia che porta caio. Insomma, ogni cosa – non necessariamente romantica – è collegata alla persona del cuore, che volente o nolente, è sempre nei nostri pensieri. Attenzione a non trasformare questa cosa in una mania ossessiva, che può sfociare anche in stalking.

Nostalgia della persona amata

La nostalgia è forse il sentimento che più si manifesta con l’amore. Sentire la mancanza del partner è indicativo. Soprattutto nel momento dell’innamoramento, la fase di conoscenza, quella che precede la storia seria, subentra la necessità di sentire sempre l’altro e le nuove tecnologie in questo aiutano: un messaggino del buongiorno e uno della buona notte, una mail per sapere come sta andando la giornata e la telefonata dopo pranzo, ecc. mantenere il contatto per sentirsi più vicini è un atteggiamento molto comune.

La necessità di parlare di lui/lei

Poi c’è la necessità di parlare sempre di lui o di lei. Qualsiasi discorso, qualsiasi evento, qualsiasi problema contengono il nome della nostra amata o del nostro amato. Ragazze, è un vizio molto noioso, tipico di tutti gli innamorati. Vi assicuro che gli amici arrivano a un punto tale da non poterne più. Tra l’altro, quest’atteggiamento non sempre è associato a un nuovo fidanzamento, a volte succede anche a chi non sta neanche insieme. Provate a fare un po’ di autocritica: parlate sempre di un collega o di un compagno di classe? Non è che vi piace un pochino e non riuscite ad ammetterlo?

Questi sono tutti segnali abbastanza comuni per capire l’amore. Certo, a questi tre consigli va aggiunto un ultimo dettaglio: l’attrazione fisica. Non può esserci amore, se non abbiamo anche desiderio dell’altro. Per approfondire l’argomento non perdete i nostri post:

Innamorarsi di un collega: i problemi in ufficio
Come vincere la paura di innamorarsi
Innamorarsi del migliore amico, i principali problemi