Come salvare il tuo matrimonio? Mettilo in cucina

Rinunciare alla partita, aiutare in casa e cucinare. Sono queste le tre regole per fare in modo che il matrimonio resista nel tempo e soprattutto per salvarlo da una brutta crisi.

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 29 marzo 2012

Come salvare il tuo matrimonio? Mettilo in cucina

Il vostro matrimonio sta attraversando un periodo complicato? Capita spesso che le relazioni vivano dei periodi di stanchezza. Purtroppo ogni coppia tende a scaricare sul suo rapporto le tensioni della quotidianità: il lavoro è la causa principale di litigio. Dopo una giornata pesante in ufficio, è normale prendersela con il partner per tutto. C’è poi una categoria di mariti che proprio non vuole collaborare. Sapete quanti matrimoni si sarebbero potuti salvare, se lui avesse cucinato qualche piatto in più, abbassato la tavoletta del wc e stirato le sue numerose camicie? Non si contano poi i matrimoni salvi per aver rinunciato alla solita partita di calcio. Ecco quindi qualche consiglio, casalingo, per ritrovare l’armonia di coppia.

L’uomo ai fornelli è molto ambito
Un recente sondaggio, condotto da Emperica Research, ha dimostrato che l’uomo in cucina è estremamente sexy. Secondo il 77 percento delle donne intervistate, infatti, il maschio chef è più ambito sessualmente. Sarà forse perché noi donne manifestiamo il nostro bisogno di coccole in molti modi differenti. Vi sveliamo però un segreto. Vi ricordate il detto: per conquistare un uomo, prendilo per la gola. È falso. Per molti signori, infatti, è preferibile una donna che sia “brava” a letto che non in cucina, per la controparte femminile pare invece sia l’esatto contrario. Insomma, un piatto di pasta vale più di mille parole. Come sempre il connubio rapporti intimi-cibo è tra i più afrodisiaci. Un’unica raccomandazione: i piatti fateli sempre voi, non è carino preparare una cena romantica e poi chiudere in cucina la partner a lavare le stoviglie.

L’uomo e i lavori domestici
Signore, se in incontrate un uomo che vi dice che i lavori domestici sono cose da donna, scappate. Ogni coppia si deve dividere i compiti come meglio crede, c’è chi preferisce mantenere i ruoli tradizionali e chi invece preferisce rivoluzionare gli schemi. Ciò che conta è non sentirsi, da una parte o dall’altra, vittima della cultura altrui. Gli uomini che aiutano in casa sono molto apprezzati. Potrebbe essere anche una bella fantasia erotica: lui pulisce e tu lo ricompensi. Ora non si dice di farlo girare per casa in boxer e pattine ai piedi, ma neanche di vederlo come un bradipo sdraiato sul divano a non fare nulla. Secondo un sondaggio, le coppie in cui lui dà una mano sono anche quelle più attive sessualmente.

Rinunciare alla partita di calcio
La terza regola d’oro prevede un grandissimo sacrificio. Non siamo tutte delle Rita Pavone in gonnella, ma anche noi ci chiediamo: “Perché perché la domenica mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita?”. Il Calcio è un bellissimo sport, ma non può monopolizzare la vita di coppia. Nessuno vi obbliga a rinunciare completamente, ma a ridurre l’impegno sicuramente. La partita del weeekend, quella del mercoledì sera, la radiolina attaccata all’orecchio, gli allenamenti di calcio e il calcetto con gli amici. Ci sono uomini impegnati dalle 4 alle 5 sere a settimana. Ora, forse non sapete che le donne accompagnate a partner tifosi sono quelle che tradiscono di più. Non hanno neanche bisogno di inventarsi una scusa per mettere le corna, perché hanno un sacco di tempo a disposizione. Uomo avvisato…