Fare l’amore, il mal di testa non è più una scusa femminile

Le coppie hanno spesso problema di rapporti e ora sono i maschi a negarsi al richiamo dell'amore fingendo (o forse no) il famoso mal di testa. Troppo stress che nasconde problemi di carattere fisico e psicologico

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 4 settembre 2010

Fare l’amore, il mal di testa non è più una scusa femminile

C’è una scusa molto famosa che le donne utilizzano per non fare l’amore con il loro partner. Bravi, avete capito, si tratta del famoso mal di testa. La notizia è che non è più una bugia solo femminile. La giustificazione dell’ultimo minuto per evitare il rapporto ora è scelta anche dal ‘macho’ italiano. Non c’è nulla di male. Forse l’errore sta nel pensare che l’uomo abbia sempre voglia di farlo e soprattutto che fisicamente non sia mai stressato. Comunque secondo Chiara Simonelli, psicologa dell’Università Sapienza di Roma, questo fenomeno si è triplicato negli ultimi anni, soprattutto tra le coppie stabili.

Tra le scuse più gettonate dall’uomo insensibile ai richiami delle donne, oltre all’improvvisa e invalidante cefalea, ci sono: l’ansia da stress e i carichi di lavoro da smaltire anche la notte, magari davanti al computer. Ecco che per la donna non rimane che aspettare tempi migliori. Inoltre, le notti in bianco possono succedersi per mesi, fino anche a un anno.

Non sono coppie bianche, non facciamo confusione, sono coppie però che vivono male il loro rapporto, magari perché nascondo problemi di carattere fisico o psicologico, come l’eiaculazione precoce o l’impotenza.

Come superare il problema? “La via d’uscita è a portata di mano: lavorare sull’immaginazione, sull’identità maschile e affidarsi a un esperto”, consiglia Simonelli. “Il maschio, da sempre conquistatore, oggi è entrato in crisi e allora deve riconquistare questo ruolo”.