il Tango è patrimonio dell’umanità

Pubblicato da Valentina Morosini Domenica 4 ottobre 2009

il Tango è patrimonio dell’umanità

Se gli uomini pensassero di trovare delle maestre focose come Jennifer Lopez in “Shall we dance?”, forse sarebbero più propensi ad andare a scuola di danza. Il tango, la danza ardente per eccellenza, è stato premiato dall’Unesco.
E’ nato all’inizio del 900. In quel periodo ritmo svolgeva un importante ruolo di valvola di sfogo: si ballava alla sera, al termine di una dura giornata di lavoro, e rappresentava un momento di ricerca di libertà e un modo per sentirsi parte di una comunità.

Il tango, insieme ad alcuni ritmi musicali di altri Paesi, è stato scelto dai circa 400 esperti che hanno esaminato centinaia di candidature. Questa danza, spiegano gli esperti, “rappresenta l’essenza di una comunità e pertanto merita di essere salvaguardato”.

Ballo seduttivo per eccellenza, si dice che “sia la sensazione di fare l’amore per il tempo che dura una canzone”. Il fisico, dopo, si sente bene e nutrito. Il grande maestro tanghero Horacio Ferrer ha scritto che”è anzitutto un modo di vivere, di sentire e di muoversi”.

Inoltre, chi lo pratica ne ho convinto, danzare risveglia la passione. E allora perché non provare?