L’anima gemella si trova con la formula del 12

L'anima gemella si può identificare, secondo un matematico, attraverso una formula scientifica: la regola delle 12 esperienze. Vediamo di che cosa si tratta e se trovare l'amore è così facile.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 6 dicembre 2011

L’anima gemella si trova con la formula del 12

L’anima gemella è qualcosa di davvero molto prezioso e non tutti hanno la fortuna di incontrarla. Ci sono tante persone che invece scambiano un sentimento passeggero per qualcosa di profondo. Come si può essere certi del proprio partner? Per esempio con la formula del 12. Secondo Peter Todd, professore d’informatica e scienze cognitive presso l’Università dell’Indiana a Bloomington (Usa) esiste una formula “matematica” che può aiutare le persone a fare un po’ di esperienza prima di incontrare quello (o quella) giusto.

Todd ha identificato un numero ideale, che è ovviamente il 12. Con questo 12 s’intendono le relazioni che prima bisogna avere o fare. In altre parole l’uomo della vita dovrebbe essere il numero 13. È stato così anche per voi? Il professore sostiene che solo con questa quantità di storie passate si può avere la maturità per capire se si tratta di amore vero oppure no.

C’è da dire che per alcuni sono troppe e per altre poche. Ci sono persone che incontrano il partner ideale dopo pochi tentativi o hanno sempre storie lunghissime e rischiano di arrivate a 80 anni per avere la certezza dell’amore “perfetto”, mentre altri – più sfortunati – non riescono proprio a trovare la persona giusta nonostante le numerose esperienze.

Insomma, è possibile applicare la teoria dell’anima gemella a una semplice formula matematica? Fosse così non ci sarebbe questo concetto così romantico e puro. Basterebbe contare fino a 13 e tutti saremmo felici per la vita. Fosse così non ci sarebbero tanti divorzi e cuori infranti.