La sindrome del cuore spezzato è tipica femminile

Chiudere una storia d'amore e lasciarsi all'improvviso fa stare male soprattutto le donne, che rischiano la grave sindrome del cuore spezzato

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 18 novembre 2011

La sindrome del cuore spezzato è tipica femminile

La sindrome del cuore spezzato e quel malessere che colpisce una persona dopo la fine di un amore, dopo una rottura di una storia importante, ma anche dopo un lutto o una separazione inattesa. Le donne, secondo uno studio dell’Università della Pennsylvania, sono più soggette a questo disturbo che si può manifestare anche con patologie cardiache o un attacco di cuore, anche mortale. Non so se vi è mai capitato di sentire storie di vecchietti che muoiono di dolore a poche ore uno dall’altro, perché non sopportano di vivere separati.

Possiamo dire che anche in questo caso si tratta della sindrome del cuore spezzato e di solito colpisce7-9 volte più facilmente le donne rispetto agli uomini. Le forti emozioni, infatti, sono potenti e possono essere deleterie per l’organismo. Non necessariamente sono emozioni negative: immaginate di vincere una fortuna.

Il meccanismo fisico è sempre lo stesso: adrenalina e ormoni dello stress subentrano in abbondanza, la camera di pompaggio del cuore inizia a gonfiarsi e sopraggiunge il corto circuito. Le donne over 55 sono risultate più vulnerabili rispetto alle più giovani, pensate poi che le probabilità di essere vittime del cuore spezzato era di 9,5 volte maggiore rispetto agli uomini della stessa età. Mentre le under 30 hanno percentuali 3 volte più basse.

Nessuno sa spiegarsi come mai le donne siano più vulnerabili. Forse l’unica spiegazione, ovviamente di parte e ovviamente priva di fondamenta scientifiche, sta nel fatto che siamo più sensibili.