Poesie d’amore: le più belle per dichiararsi

Avete mai pensato di dichiarare il vostro amore dedicando una poesia d'amore? E' un'ottima idea che non passa mai di moda nonostante la larga diffusione di sms e mail. Le poesie d'amore famose e non, toccano corde profonde, e sono lo strumento ideale per una dedica romantica destinata alla persona che desiderate.

da , il

    Poesie d’amore: le più belle per dichiararsi

    Scopriamo le poesie d’amore più belle per dichiararsi. Se pensate che questo sia un modo desueto e ormai passato di conquistare, vi sbagliate. Il romanticismo è ancora vivo nonostante sms e mail: il modo migliore per fare breccia nel cuore di una persona, è mostrare con maturità di non aver paura dei propri sentimenti e di essere pronti a tutto. Le poesie d’amore che vi proponiamo certamente non lasceranno indifferente il destinatario delle vostre missive.

    Poesie d’amore per dichiararsi, le più belle

    Ecco una selezione di poesie per dichiarare il proprio amore, romantiche, passionali, coinvolgenti, strappalacrime, a ognuno la sua poesia.

    • Subito a me il cuore si agita nel petto solo che appena ti veda, e la voce non esce, e la lingua si spezza. Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle, e gli occhi più non vedono e rombano le orecchie. Saffo
    • Lei è vicino al mio cuore come fiore di campo alla terra: mi è dolce come è dolce il sonno per le stanche membra. Il mio amore per lei è la mia vita che scorre nella sua pienezza, come un fiume gonfio in autunno, fluente con sereno abbandono. I miei canti si confondono al mio amore, come il mormorio d’un ruscello, che canta con tutte le sue onde e tutte le sue correnti. Se possedessi il cielo con tutte le sue stelle, e il mondo con le sue infinite ricchezze, chiederei ancora di più; ma sarei pago dal più infimo cantuccio di questa terra, se lei fosse mia. Lei è vicino al mio cuore di Rabindranath Tagore
    • Torna sovente e prendimi, palpito amato, allora torna e prendimi, che si ridesta viva la memoria del corpo, e antiche brame trascorrono nel sangue, allora che le labbra ricordano e le carni , e nelle mani un senso tattile si riaccende. Torna sovente e prendimi,la notte, allora che le labbra ricordano, e le carni… Torna di Costantino Kavafis
    • Faró della mia anima uno scrigno per la tua anima, del mio cuore una dimora per la tua bellezza, del mio petto un sepolcro per le tue pene. Ti ameró come le praterie amano la primavera, e vivró in te la vita di un fiore sotto i raggi del sole. Canteró il tuo nome come la valle canta l’eco delle campane; ascolteró il linguaggio della tua anima come la spiaggia ascolta la storia delle onde. Farò della mia anima uno scrigno di Kahlil Gibran
    • L’amore, quando si rivela, Non si sa rivelare. Sa bene guardare lei, ma non le sa parlare. Chi vuol dire quel che sente non sa quel che deve dire. Parla: sembra mentire… Tace: sembra dimenticare… Ah, ma se lei indovinasse, se potesse udire lo sguardo, E se uno sguardo le bastasse per sapere che la sto amando! Ma chi sente molto, tace; chi vuol dire quello che sente resta senz’anima né parola, resta solo, completamente! Ma se questo potesse raccontarle quel che non oso raccontarle, non dovrò più parlarle, perché le sto parlando… L’amore, quando si rivela di Fernando Pessoa
    • Non t’amo come se fossi rosa di sale, topazio o freccia di garofani che propagano il fuoco: t’amo come si amano certe cose oscure, segretamente, tra l’ombra e l’anima. T’amo come la pianta che non fiorisce e reca dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori; grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo il concentrato aroma che ascese dalla terra. T’amo senza sapere come, né quando, né da dove, t’amo direttamente senza problemi né orgoglio: così ti amo perché non so amare altrimenti che così, in questo modo in cui non sono e non sei, così vicino che la tua mano sul mio petto è mia, così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno. Sonetto XVII di Pablo Neruda

    Poesie d’amore famose per dichiararsi

    Scopriamo le più belle frasi per dichiararsi delle poesie d’amore famose, da cui trarre ispirazione. Perfette da utilizzarle anche in una lettera per dichiararsi a lui.

    • In un quartier della ville Lumiere, dove fa sempre buio e manca l’aria e d’inverno come d’estate e’ sempre inverno, lei era sulle scale. Lui accanto a lei e lei accanto a lui. Faceva notte, c’era un odore di zolfo perche’ nel pomeriggio avevano ucciso le cimici. E lei gli diceva, è buio qui manca l’aria. E d’inverno come d’estate e’ sempre inverno. Il sole del buon Dio non brilla da noi, ha fin troppo lavoro nei quartieri ricchi. Stringimi tra le braccia baciami, baciami a lungo, baciami, piu’ tardi sara’ troppo tardi. La nostra vita e’ ora, qui si crepa di tutto, dal caldo e dal freddo. Si gela si soffoca, manca l’aria se tu smettessi di baciarmi, credo che morirei soffocata. Hai quindici anni ne ho quindici anch’io, In due ne abbiamo trenta. A trent’anni non si e’ piu’ ragazzi, abbiamo l’eta’ per lavorare. Avremo pure diritto di baciarci, piu’ tardi sara’ troppo tardi. La nostra vita e’ ora. Baciami! Baciami di Jacques Prévert
    • Se devi amarmi, per null’altro sia se non che per amore. Mai non dire: t’amo per il sorriso, per lo sguardo, la gentilezza del parlare, il modo di pensare così conforme al mio, che mi rese sereno un giorno. Queste son tutte cose che possono mutare, amato, in sé o per te, un amore così sorto potrebbe poi morire. E non amarmi per pietà di lacrime che bagnino il mio volto. Può scordare il pianto chi ebbe a lungo il tuo conforto, e perderti. Soltanto per amore amami e per sempre, per l’eternità. Solo per amore di Elizabeth Barrett Browing
    • Da dove siamo nati? Dall’amore. Come saremmo perduti? Senza amore. Cosa ci aiuta a superarci? L’amore. Si può trovare anche l’amore? Con amore. Cosa abbrevia il pianto? L’amore. Cosa deve unirci sempre? L’amore. Da dove siamo nati? di Goethe
    • Non posso esistere senza di te. Mi dimentico di tutto tranne che di rivederti: la mia vita sembra che si arresti lì, non vedo più avanti. Mi hai assorbito. In questo momento ho la sensazione come di dissolvermi: sarei estremamente triste senza la speranza di rivederti presto. Avrei paura a staccarmi da te. Mi hai rapito via l’anima con un potere cui non posso resistere; eppure potei resistere finché non ti vidi; mi sforzai spesso di ragionare contro le ragioni del mio amore. Ora non ne sono più capace. Sarebbe una pena troppo grande. Il mio amore è egoista. Non posso respirare senza di te. Senza di te di John Keats
    • I ragazzi che si amano si baciano in piedi Contro le porte della notte. E i passanti che passano li segnano a dito ma i ragazzi che si amano Non ci sono per nessuno. Ed e’ soltanto la loro ombra che trema nel buio suscitando la rabbia dei passanti. La loro rabbia il loro disprezzo i loro risolini la loro invidia. I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno. Loro sono altrove ben piu’ lontano della notte, Ben piu’ in alto del sole nell’abbagliante splendore del loro primo amore. I ragazzi che si amano di Jacques Prévert