Problemi sessuali: l’identikit dell’uomo “veloce”

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 20 aprile 2010

Problemi sessuali: l’identikit dell’uomo “veloce”

Oggi torniamo su un argomento imbarazzante, ma molto diffuso. Si tratta della eiaculazione precoce, problema che tocca il 20% dei maschi i, tra i 18 e i 70, per capirci circa 4 milioni di persone. Come vedete il dato è davvero molto grande e con tutta probabilità queste persone hanno vergogna a identificare il loro disturbo come un problema. È stata presentata da poco la ‘PE Confidential Survey’, una ricerca che permesso di identificare l’identikit dell’uomo “troppo veloce”. Un’indagine approfondita che permette numerosi spunti di riflessione.

Intanto sono stati considerati circa 4.500 uomini e donne di 9 Paesi europei ed è emerso che in media sono uomini dai 31 ai 40, con una relazione stabile. Il 46% è alle prese con questo problema da sempre, e il restante 54% ha acquisito i sintomi del disturbo, in media, da 9 anni. Spesso si crede che l’eiaculazione precoce tocchi gli adolescenti o chi non ha rapporti, perchè non si è in grado di controllarsi. Causa la mancata esperienza. e invece…

E le donne? Le italiane sono meno frustrate (non vi sono spiegare il meccanismo psicologico), per sono tra le più arrabbiate (29%, contro il 13% delle svedesi o il 15% delle spagnole) e si sentono meno in colpa (8% contro il 22% delle inglesi e il 25% delle francesi). Direi che il nervosismo però sia abbastanza legato al senso di frustrazione.