Quando “l’altra” siamo noi

"Gli amanti hanno storie d'amore con un passaporto falso" ecco cosa cantava Ornella Vanoni. Ed è vero. Chi si è trovata nel ruolo dell'amante saprà benissimo di cosa parlo: giorni da sola in attesa di una telefonata che non arriva e la straziante consapevolezza di essere sempre e comunque in secondo piano.

Pubblicato da Francesca Bottini Domenica 19 luglio 2009

Quando “l’altra” siamo noi

Gli amanti hanno storie d’amore con un passaporto falso” ecco cosa cantava Ornella Vanoni. Ed è vero. Chi si è trovata nel ruolo dell’amante saprà benissimo di cosa parlo: giorni da sola in attesa di una telefonata che non arriva e la straziante consapevolezza di essere sempre e comunque in secondo piano.

Non voglio oggi fare la morale a chi si è trovata in questa situazione ma credo che, all’inizio ci sia sempre l’opportunità di non decidere di intraprendere una storia del genere. Ovvio è che più passa il tempo più la situazione si complica: ci si innamora, si spera che lui lasci la moglie o la fidanzata…e sappiate che in questo gioco perverso cadono anche molte donne forti e mature, non solo ragazzine sprovvedute.

Bisogna comunque essere sempre coscienti che quando si comincia a frequentare un uomo già impegnato la sofferenza è dietro l’angolo: difficilmente lui lascerà la moglie o la fidanzata se può avere entrambe!

Vi lascio quindi questo spunto di riflessione, la canzone di Ornella Vanoni, per farvi pensare bene a cosa andrete incontro prima di trovarvi in una situazione del genere.

Hanno storie d’amore,
senza documenti apposto,
devono scegliere sempre
chi chiamare e chi no.
Come clandestini si muovono
strisciando i muri della vita
un giro di tappe in salita..
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Hanno amori precari,
fanno progetti e fanno finta di crederci
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Che nei giorni di festa
come naufraghi, soli, naufraghi
aspettano una telefonata, aspettano una telefonata, aspettano una telefonata .
Hanno storie d’amore
con un passaporto falso,
devono scegliere sempre chi tradire e chi no.
Come sfollati si muovono,
terremotati della vita,
un giro di valzer in salita
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Hanno amori precarie,
fanno progetti e fan finta di crederci
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Che nei giorni di festa
come naufraghi, soli, naufraghi
aspettano una telefonata, aspettano una telefonata, aspettano una telefonata .
Poveri amori fatti di stracci,
lunghi come un batter di ciglia,
secchi come un colpo di tosse,
poveri amori nel traffico e cuori
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Hanno amori di frontiera
per sopravvivere s’inventano sentimenti
Gli amanti Gli amanti Gli amanti
Che nei giorni di festa
come naufraghi, soli, naufraghi
aspettano una telefonata, aspettano una telefonata, aspettano una telefonata
aspettano una telefonata, aspettano una telefonata, aspettano una telefonata,
aspettano una telefonata, aspettano una telefonata, aspettano una telefonata