Rapporto di coppia, le fasi dell’amore

L'amore vive tre fasi, qualsiasi tipo di relazione abbiate, anche la più breve e la meno importante. Ecco la teoria.

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 15 novembre 2010

Rapporto di coppia, le fasi dell’amore

Ogni rapporto di coppia vive una serie di fasi. Credo che molte persone siano d’accordo su questa teoria. Pensiamo un po’ al nostro rapporto: all’inizio c’era la passione, poi avete imparato a conoscervi e a capirvi e questa passione è diventato amore, successivamente – quando l’aspetto fisico è passato in secondo piano – è rimasta una relazione, fatta di comprensione, complicità e tanta amicizia. Evolvono negli anni le persone, si cambia e si matura, come potrebbero restare fermi i legami che ci uniscono e ci accompagnano per un’intera vita.

Qualcuno sostiene che ogni persona che ci è stata accanto, ha attraversato almeno 3 fasi. Non importa che la storia sia durata un attimo o anni. Vediamo insieme queste tre tappe e fatemi sapere se anche per voi è stato così.

La prima è la conoscenza: non c’è ancora un rapporto, si scruta l’altro cercando di capire se ci può essere feeling. Quando si è giovani è un po’ un’ossessione, si cerca di scoprire i gusti e le abitudini dell’altro, quando si è più grandi magari basta una chiacchierata interessante. La seconda fase è quella dell’innamoramento.

Il partner è strepitoso, una continua scoperta. Tutto ciò che fa è meraviglioso e sembra quasi leggerci dentro. Ma questo passo quando si rompe, quando iniziamo a vedere tutti i difetti. È come svegliarsi da un sogno: improvvisamente siamo tornati alla realtà e lui o lei non sono più quegli esseri perfetti che avevamo immaginati. A questo punto o subentra un sentimento forte o di solito si va verso il tramonto. E’ qui che si capisce se si tratta solo di attrazione.